(foto di repertorio)

Sabato 7 maggio alle 21 nella Chiesa di San Girolamo il concerto del Coro Grigna ANA di Lecco. Durante l’Adunata sarà visibile gratuitamente la mostra “Siamo in cima! La vetta del K2 e i volti di un popolo”

Il Meeting di Rimini, la cui storia si intreccia da quarant’anni con tante espressioni del Corpo degli Alpini, in occasione della 93° Adunata nazionale di Rimini e San Marino partecipa alla festa di centinaia di migliaia di persone che saranno presenti in città, attraverso la proposta di «Il Bello è lo splendore del vero» sabato 7 maggio, ore 21.00

Chiesa di San Girolamo, Riminiviale Principe Amedeo, 65  Concerto del Coro Grigna dell’Associazione Nazionale Alpini, sezione di Leccodiretto da Riccardo Invernizzi Il Coro eseguirà alcuni tra i più famosi canti del repertorio alpino e di montagna, da Il testamento del Capitano a La Leggenda della Grigna, intervallati da letture in tema. Al termine del concerto è previsto un breve intervento del direttore del Meeting Emmanuele Forlani. Durante i giorni dell’Adunata, dal 5 all’8 maggio, il Meeting inoltre renderà disponibile gratuitamente al link meetingrimini.news/K2 la mostra Siamo in cima! La vetta del K2 e i volti di un popolo, che racconta la conquista, avvenuta il 31 luglio 1954 ad opera di due italiani, Compagnoni e Lacedelli, del K2, “il tetto del mondo” e la spedizione di sessant’anni dopo, nel 2014, con Michele Cucchi e Simone Origone, guidati da Agostino Da Polenza. Ha una storia lunga e gloriosa il Coro Grigna, che sarà protagonista del concerto dell’8 maggio. Fondato nel dicembre 1958 a Lecco, ebbe subito come direttore Giuseppe Scaioli, allora allievo di Conservatorio. Preso il nome di una delle più belle montagne del lecchese, il Coro Grigna è da sempre interamente composto da dilettanti, in maggioranza alpini in congedo, che hanno trovato, nello studio e nell’esecuzione dei canti una fonte di piacere e di intima soddisfazione. Nel 1967 è divenuto Coro dell’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Lecco. Si è imposto, in poco tempo, all’attenzione degli appassionati e degli esperti per l’ottima qualità delle esecuzioni evidenziata anche da incisioni tecnicamente ed artisticamente apprezzabili, con un repertorio di canti alpini, tradizionali e d’autore. Ha inciso vari lp e cd, e in oltre 60 anni di attività ha eseguito più di 2000 concerti sia in Italia sia all’estero (Andorra, Austria, Belgio, Francia, Svizzera, Spagna, Ungheria e Vaticano). Nel 2014, con il compimento del suo ottantesimo anno di età il Maestro Giuseppe Scaioli lascia la direzione del Coro al suo allievo di sempre Riccardo Invernizzi.