Questa mattina i sopralluoghi con il gruppo tecnico del Comune e il responsabile degli arrivi del tour, Stéphane Boury

A 74 giorni dallo storico arrivo del Tour de France procede e entra nel vivo la macchina organizzativa di uno degli appuntamenti più attesi del 2024 a Rimini.

Questa mattina in municipio si è tenuta una riunione tecnica, seguita dai sopralluoghi, che ha visto la partecipazione di Stéphane Boury, ex ciclista e responsabile degli arrivi del Tour de France (Commissaire Général, Responsable des arrivées), e del tavolo tecnico comunale che coinvolge dirigenti, comando della Polizia locale e tecnici coinvolti nel gruppo di lavoro istituito dal comune di Rimini per il coordinamento e la realizzazione dell’arrivo, il prossimo 29 giugno, sul Lungomare Giuseppe Di Vittorio, nel tratto tra piazzale Gondar e piazzale Benedetto Croce, della prima tappa della Grande Boucle.

Il gruppo di lavoro ha svolto un nuovo sopralluogo nel tratto di percorso che, provenendo dalla Superstrada di San Marino, dopo un breve tratto sulla Statale Adriatica in direzione di Riccione, si addentrerà nella città, transitando sull’asse viale Settembrini-via Chiabrera-viale Firenze, per poi raggiungere la zona mare.

Durante il sopralluogo, sono state esaminate e vagliate le migliori soluzioni sia in relazione alla sicurezza del percorso di gara sia per garantire un’efficace viabilità alternativa, così da ridurre al minimo gli inevitabili disagi per la cittadinanza e per i numerosi turisti.

I tecnici hanno definito gli ultimi dettagli operativi per le aree che dovranno accogliere l’organizzazione del Tour e le 23 società sportive partecipanti. Per questa ragione, sarà allestita un’area tecnica con relativi servizi nel parcheggio di via Chiabrera che ospiterà oltre 60 mezzi tecnici.

I bus delle società sportive partecipanti, con i relativi mezzi di appoggio e le ammiraglie, si attesteranno invece subito dopo l’arrivo, sul Lungomare Di Vittorio.

La zona di arrivo sarà allestita, sempre sul Lungomare, all’altezza di via Lagomaggio, con l’istallazione della linea del traguardo, delle tribune, dei maxischermi e delle altre strutture a servizio dell’arrivo.

I 190 Paesi che seguiranno l’evento avranno a disposizione anche un centro stampa appositamente allestito presso il Palacongressi, oltre ovviamente alle postazioni per le dirette in prossimità dell’arrivo. La gara sarà seguita anche dall’alto, grazie agli elicotteri TV che sorvoleranno da Firenze a Rimini.

Il 29 giugno, secondo il cronoprogramma fornito dalla società organizzatrice dell’evento, l’arrivo della carovana gialla pubblicitaria è previsto per le ore 16:05, seguita dall’arrivo della testa della corsa intorno alle 17:34 circa.

La Polizia Locale, nel frattempo, ha iniziato a pianificare le chiusure finalizzate a garantire la sicurezza del percorso e ad individuare la viabilità alternativa.

Considerata l’importanza e la complessità dell’evento, che vedrà l’arrivo dei mezzi dell’organizzazione del Tour già a partire dal 26 giugno, il comando della polizia locale ha già inoltrato alle altre polizie locali dei principali comuni della provincia una richiesta di supporto, così da avere a disposizione ed impiegare sulle strade riminesi ulteriori agenti nella giornata clou del 29 giugno.