Il progetto, avviatosi in forma sperimentale a fine 2020, prevede una concessione di un anno, a fronte del pagamento di un canone simbolico di un euro al metro quadro

Con l’avvio del nuovo anno l’amministrazione comunale di Misano Adriatico ricorda che possibile rinnovare la richiesta, oppure presentarne una nuova, per l’utilizzo di piccole aree verdi di proprietà comunale non aventi una specifica destinazione (frustoli, intersezioni stradali…) come orto urbano privato.

La richiesta può essere presentata dai residenti negli stabili limitrofi al terreno di proprietà comunale o, in assenza di edifici confinanti, dai residenti nel raggio di cento metri.

Il progetto, avviatosi in forma sperimentale a fine 2020, prevede una concessione di un anno, a fronte del pagamento di un canone simbolico di un euro al metro quadro, che consente al privato di utilizzare queste porzioni di terreno per la coltivazione di verdure, ortaggi e piante floreali. In questo modo le aree, altrimenti difficilmente utilizzabili, possono assumere nuova vita e un valore importante per la comunità.

“La sperimentazione ha dato buoni risultati – commenta l’Assessore all’Ambiente e al Decoro urbano Nicola Schivardi –, ma ci sono ancora tante aree urbane minori, non diversamente utilizzate per le loro dimensioni o per la collocazione nel contesto urbano, che potrebbero essere richieste dai privati per essere coltivate con un approccio di piccola auto-produzione. Crediamo fortemente nel valore di questo progetto che, oltre a dare nuova vita a queste porzioni di terreno, può rappresentare un valore importante per la comunità”.

Le domande possono essere presentate attraverso la modulistica presente sul sito web del Comune o richiedibile allo sportello informativo comunale.