Bambini a mensa (foto di repertorio)

Ecco a chi verrà concessa l’agevolazione

Sono circa 3.900 i pasti medi giornalieri consumati nelle mense delle scuole di infanzia comunali e statali riminesi (0-6 anni). Se si aggiungono anche le scuole primarie statali, il numero degli iscritti al servizio di mensa scolastica arriva a 5.413 iscritti, di questi, 4.223 usufruiscono di riduzioni della tariffa.

Grazie ad un ulteriore contributo regionale a sostegno del servizio mensa biologica, il Comune di Rimini riuscirà ad investire ulteriori 94 mila euro nell’abbattimento delle tariffe per la mensa delle scuole d’infanzia e delle scuole primarie statali. L’abbattimento verrà concesso agli utenti dei servizi residenti nel Comune di Rimini c titolari di retta agevolata e con una attestazione ISEE inferiore ad € 35.000,00. L’abbattimento potrà andare da un’entità minima di € 6,29 – per chi consuma un solo pasto alla settimana – ad un’entità massima di 31,45 € – per coloro che utilizzano la mensa tutta la settimana-.

Quello delle nostre mense scolastiche – ricorda Chiara Bellini, vicesindaca con delega alle politiche educative – è un servizio che abbina quantità, qualità e sostenibilità economiche per le famiglie. La qualità è testimoniata dal piazzamento – per il terzo anno di fila – nella top five delle mense scolastiche italiane dall’osservatorio di Food insider, la quantità dai numeri di pasti giornalieri offerti, la sostenibilità dal mix di risorse comunali, regionali e statali che mettiamo al servizio delle famiglie”.