Ragazzi disabili durante attività formative (foto di repertorio)

Saranno garantire anche 18.834 ore di assistenza per 48 alunni di 13 scuole paritarie e parificate

Grazie ad un investimento di più di 360 mila euro sarà possibile coprire il fabbisogno di assistenza per l’inclusione di alunni con disabilità anche nelle scuole paritarie e parificate; in numeri, significano 18.834 ore annue per 48 studenti di 13 scuole per l’anno scolastico 2020/2021.

Un investimento che segue le indicazioni emerse nei tavoli tecnici con la partecipazione dei rappresentanti di Comune di Rimini, Ausl Romagna e dirigenti scolastici. All’interno dei tavoli tecnici sono state definite ed assegnate le ore di assistenza all’autonomia ed alla comunicazione personale, riferite agli alunni con disabilità residenti nel Comune di Rimini e frequentanti le Scuole dell’infanzia, primarie e secondarie, paritarie e parificate.

Le Istituzioni Scolastiche Paritarie e Parificate, provvedendo all’assunzione degli insegnanti di sostegno, avranno la facoltà di utilizzare il finanziamento per l’impiego degli operatori educativo-assistenziali oppure per ampliare le ore dell’insegnante di sostegno, fermo restando che sia le ore di insegnante di sostegno che le ore complessive non possono essere inferiori a quelle concordate sui tavoli tecnici.

Gli interventi fanno parte della più complessiva strategia di intervento del Comune di Rimini che, come già noto, solo per l’anno scolastico 2020/2021 prevede l’investimento complessivo di 5 milioni di euro per garantire sostegno educativo, ausili didattici, trasporti speciali e centri estivi specializzati.

“Un diritto allo studio al servizio del sistema educativo riminese – spiega l’assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli – a prescindere dal tipo di scuola frequentata. Un’attenzione prioritaria a famiglie e studenti che necessitano di ore di assistenza dedicata, sostenuto a livello territoriale dalla rete tra Comune, Ausl e dirigenti scolastici che, insieme, valutano i bisogni e le risorse necessarie per rispondergli in maniera efficace, corale e partecipata”