Rivolto alla scuole medie, coinvolgerà i ragazzi di diverse scuole che dovranno scriverne il finale

Partirà dalla scuola media di Misano Adriatico un nuovo progetto provinciale contro il bullismo e il cyberbullismo. Si chiama “I Gusti dell’amicizia” ed è il nuovo progetto rivolto alle scuole medie e promosso da MO.CA in collaborazione con il Comitato tecnico di supporto all’Ufficio scolastico territoriale (sede di Rimini) e con il patrocinio della Provincia di Rimini e della Fondazione Francolini.

Nato dalla fortunata esperienza dei progetti “La Bontà che fa crescere” e “Non congelateci in sorriso” il nuovo progetto prenderà il via venerdì 20 novembre con il consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi della scuola media di Misano Adriatico.

In quella occasione gli studenti daranno vita ad un fumetto privo di finale. A quel punto il fumetto passerà nelle mani dei ragazzi di altre scuole medie (Riccione, Miramare di Rimini, Ospedaletto di Coriano, Santarcangelo di Romagna e Bellaria Igea Marina) dove gli alunni saranno impegnati nella scrittura di un finale.

7 scuole, 10 classi, oltre 200 studenti coinvolti: questi i numeri del progetto che parte nel mese di novembre per concludersi a marzo in occasione della giornata europea del gelato artigianale.

Diversi gli insegnanti delle scuole secondarie di primo grado che si sono impegnati a lavorare con le proprie classi a questo progetto: Adele Catapano e Cosetta Fraternali per Misano Adriatico, Lucia Bianchi per Riccione, Morena Rocchi per Miramare, Sonia Bagiacchi per Ospedaletto, Valentina Mase per Santarcangelo e Chiara Franchini per il plesso di Bellaria Igea Marina.

“I gusti dell’amicizia” è un progetto che ha diverse finalità: accrescere nei ragazzi la capacità di riconoscere i comportamenti “bulli e cyberbulli” e far diventare forte in loro la consapevolezza che “ciascuno di noi” può fare molto per interrompere le vessazioni- spiega Primula Lucarelli, coordinatrice del progetto –  Inoltre vorremmo accrescere la cultura del rispetto, inteso come “ amicizia sociale”, a partire dal riconoscimento delle proprie emozioni e dalla capacità di trovare modi corretti per esprimerle. Mettere in pratica l’empatia intesa come capacità di riconoscere lo stato d’animo dell’altro e di agire con un comportamento adeguato, conoscere e praticare le regole per un uso in sicurezza di internet; sono altri due importanti obiettivi del progetto. Dal punto di vista didattico il progetto cerca di impegnare gli studenti nella creazione di una storia e di un successivo cartone/video”.

A capofila, dopo i precedenti progetti contro il bullismo, c’è ancora Mo.Ca Spa, azienda di Coriano che produce preparati per gelaterie, pasticcerie e panifici e che da oltre 13 anni ha scelto di affiancare la scuola nella sfida educativa per il superamento del bullismo e del cyberbullismo.

“Abbiamo costruito nel tempo un legame profondo con la scuola perché consapevoli dell’importante ruolo che svolge nella comunità – spiega Martina Morotti, responsabile Marketing di Mo.Ca – Abbiamo sempre sostenuto progetti importanti come il concorso annuale “La bontà che fa crescere” e i progetti

partecipati come “Non conGelateci il sorriso, comunità locale, famiglia e scuola per la prevenzione del

bullismo”. Per noi si tratta di interventi fortemente correlati alla cultura della nostra azienda e ai valori che la guidano. MO.CA nasce infatti oltre 50 anni fa dal lavoro e dall’impegno della mia famiglia. Siamo nati in questo territorio impiegando oltre 80 addetti. E alle scuole del nostro territorio vogliamo continuare a dare il nostro supporto per l’azione educativa che svolgono”.

Il progetto in questa prima fase si svolgerà in modalità digitale nel rispetto della normativa anti-covid.