(foto di repertorio)

Tra gli altri appuntamenti, è previsto anche un incontro informativo all’inferni di Rimini

Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, nella giornata del 31 gennaio coinvolge gli Ospedali Bollini Rosa ed i Centri Cefalea premiati lo scorso 26 ottobre, per promuovere la prima edizione dell’(H)-Open Day dedicato all’emicrania.

I Centri Cefalea dell’AUSL della Romagna aderiscono all’iniziativa promuovendo le seguenti iniziative nelle sedi dei Centri di Cesena e di Rimini. Ecco gli appuntamenti:

·       Consulenze Telefoniche – Il Centro Cefalea dell’ospedale Bufalini di Cesena offre 12 consulenze telefoniche individuali. Per partecipare è richiesta la prenotazione inviando una e-mail con oggetto “OPEN DAY EMICRANIA 2023” all’indirizzo: centrocefalea.romagna@gmail.com entro oggi, lunedì 30 gennaio alle 18:00, riportando il proprio nominativo, data di nascita e recapito telefonico per essere contattati dallo specialista. Se confermata la disponibilità, sarà inviata una risposta di conferma con orario e dettagli dell’appuntamento telefonico.

·       Incontro informativo aperto alla popolazione dal titolo: “Parliamo di emicrania: i professionisti rispondono” presso l’Aula G dell’Ospedale di Rimini, Via Ovidio 13, alle ore 15. I professionisti del Centro Cefalea dell’Infermi incontrano la popolazione, fornendo le informazioni sull’emicrania, le relative opzioni di gestione e di trattamento della patologia. Durante l’incontro sarà possibile rivolgere i propri quesiti e richiedere consigli direttamente ai professionisti. Si informa che per partecipare all’iniziativa non è richiesta prenotazione obbligatoria.

L’emicrania è una patologia cronica che colpisce circa il 12 per cento degli adulti in tutto il mondo1, con una prevalenza tre volte maggiore nelle donne. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, rappresenta la terza malattia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante, comportando dunque un altissimo costo umano, sociale ed economico.

Nonostante gli evidenti dati epidemiologici, l’emicrania è ancora percepita da chi ne soffre come “invisibile”. Obiettivo di questa iniziativa è dunque quello di sensibilizzare la popolazione sull’importanza di un riconoscimento precoce dei sintomi, e un accesso dunque tempestivo ai percorsi specifici di diagnosi e cura per una migliore qualità della vita dei pazienti.

“Con questo (H)-Open Day ci poniamo l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione su una patologia spesso sottovalutata, talvolta neanche ritenuta come tale; un’occasione per offrire ai pazienti degli strumenti di diagnosi e cura in particolare offerti dai Centri cefalee riconosciuti come virtuosi nella presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale dei pazienti” dichiara Francesca Merzagora, Presidente di Fondazione Onda. “La lotta all’emicrania è una battaglia che ci è molto cara e che dobbiamo portare avanti insieme, coinvolgendo le società scientifiche, i medici specialisti ospedalieri e territoriali, le associazioni di pazienti, i media e le farmacie in iniziative come questa, per superare lo stigma e diffondere un messaggio di consapevolezza alla popolazione”.

Maggiori informazioni sull’iniziativa sono consultabili sul sito www.bollinirosa.it