Delucca passa in rassegna tutte le professioni allora praticate – alcune ancora oggi esistenti, altre invece scomparse – ricostruendo in maniera analitica il quadro socioeconomico cittadino

Sabato 18 maggio, ore 17.00, Panozzo Editore organizza la presentazione del libro di Oreste Delucca, Mestieri e botteghe riminesi del Quattrocento, presso la cineteca della Biblioteca civica Gambalunga. A presentare il volume, insieme all’autore, sarà presente
il professor Carlo Dolcini, già ordinario di Storia medievale presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna.

Nella sua opera Delucca riesce a donare anima agli aridi archivi cittadini, riconnettendo i dati raccolti in un gradevolissimo racconto e conducendo il lettore nella Rimini del XV secolo, una città ancora pre-industriale di circa 10.000 abitanti, in cui ogni singolo
prodotto era realizzato a mano e in cui il rapporto tra acquirente e artigiano era continuo e indispensabile.

Delucca passa in rassegna tutte le professioni allora praticate – alcune ancora oggi esistenti, altre invece scomparse – ricostruendo in maniera analitica il quadro socioeconomico cittadino. Il risultato è uno straordinario affresco dell’operosa realtà riminese dell’epoca e, allo stesso tempo, un’opera imprescindibile per qualunque studio successivo sulla Romagna del XV secolo.