Cinque appuntamenti tra Rimini, Bellaria Igea Marina, Cattolica e San Giovanni in Marignano per diffondere la cultura contro le mafie 

Torna Anticorpi 2023. La cultura contro le mafie, il festival organizzato ogni anno dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata e per la diffusione di una cultura della legalità della Provincia di Rimini con il contributo e il sostegno della Regione Emilia-Romagna, promosso dai Comuni di Bellaria Igea Marina, Rimini, Cattolica e per la prima volta San Giovanni in Marignano. Dal 14 al 28 novembre saranno cinque gli appuntamenti previsti, con un programma che spazierà tra seminari, presentazioni, film, spettacoli teatrali. “La peculiarità dell’Osservatorio provinciale – spiega Filippo Giorgetti, Sindaco di Bellaria Igea Marina, ente capofila del progetto  – è da anni quella di diffondere una consapevolezza sulla legalità attraverso l’arte, lo studio e l’utilizzo di linguaggi diversi. Anche per il programma 2023 la tendenza è questa, con una sorpresa: l’adesione del Comune di San Giovanni in Marignano al percorso dell’Osservatorio. A dimostrazione che in provincia di Rimini c’è consapevolezza e volontà di lavorare insieme sulla sensibilizzazione e sull’attenzione verso questi temi”. 

Ad aprire l’edizione 2023 il seminario di formazione I piani anticorruzione. Etica, sicurezza e legalità, previsto per il 14 novembre dalle 15:30 alle 18:30 nella Sala del Consiglio Comunale di Cattolica, in piazza Roosevelt 5. 

Il programma prosegue il 15 novembre alle ore 9:30 presso l’Aula Magna dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Campus di Rimini in via Angherà 22 per la presentazione ufficiale aperta alla cittadinanza del terzo volume della collana dell’Osservatorio dal titolo La cooperazione interistituzionale in materia di sicurezza e legalità. L’azione degli enti locali in Riviera. Un appuntamento organizzato in collaborazione con l’ateneo riminese, che vedrà la presenza del Prefetto di Rimini Dott.ssa Rosa Maria Padovano, del Colonnello Ruggero Gerardo Rugge, Comandante Provinciale Carabinieri di Rimini, del Colonnello Alessandro Coscarelli, Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini, della Prof.ssa Alessia Mariotti, Presidente del Consiglio di Campus e della Prof.ssa Anna Cicchetti, del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università. Presenti per i saluti Filippo Giorgetti, Sindaco del Comune di Bellaria Igea Marina, Ente Capofila Osservatorio sulla criminalità organizzata e l’Assessore alla legalità del Comune di Rimini Francesco Bragagni, che commenta“la pregevole pubblicazione a cura dell’Osservatorio, che si iscrive in una fortunata serie di approfondimenti e ricerche sul nostro territorio, mette in luce un tema fondamentale come la cooperazione interistituzionale. Solo con il contributo di tutti gli enti e le realtà del nostro tessuto socio-economico è possibile combattere con forza la criminalità organizzata”. 

La presentazione del volume, che passa in rassegna gli strumenti di cooperazione in materia di sicurezza e legalità con un focus storico e attuale sulla Riviera romagnola e sui suoi protagonisti, sarà a cura di Ivan Cecchini, Direttore Amministrativo del Comune di Bellaria Igea Marina, Maria Giovanna Briganti per la Camera di Commercio della Romagna, Gian Guido Nobili per la Regione Emilia-Romagna, Alessandro Bondi per l’Università di Urbino e Marco Sorrentino di Amapola Srl Impresa Sociale, che ne ha curato i contenuti per la pubblicazione. 

Si prosegue tornando a Cattolica, questa volta con un appuntamento teatrale organizzato in collaborazione con APS Rimbalzi Fuori Campo e Teatro della Regina. Si tratta dello spettacolo La stanza di Agnese, di e con Sara Bevilacqua, che andrà in scena il 17 novembre alle ore 20:30 proprio al Teatro della Regina, piazza della Repubblica 28/29. Una produzione di Meridiani Perduti Teatro e dedicata al giudice Paolo Borsellino. “Agnese Piraino Leto in Borsellino, segnata da una terribile malattia, riceve una telefonata da parte dell’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga: Via D’Amelio è stata da colpo di stato”. Poche parole che inevitabilmente fanno riemergere i ricordi di una vita, sin da quando, figlia del presidente del Tribunale di Palermo e immersa negli usi e costumi dell’alta borghesia palermitana, incontra per la prima volta Paolo, giovane pretore a Mazara del Vallo. Da questo momento parte la narrazione della sua crescita accanto al marito e della scoperta di una Palermo diversa, meno luccicante di quella a cui era abituata, ma forse più bella, anche se disgraziata, passando attraverso i primi anni di matrimonio e la nascita dei figli. Fino a narrare i momenti più bui, compresa la morte di amici e colleghi di Paolo; i rapporti con la scorta che diventa parte della famiglia; la difficoltà di accettare la situazione da parte dei figli. Ma anche l’altro lato di Paolo, quello giocoso e sempre pronto allo scherzo, al babbìo”. Il lavoro nel pool antimafia accanto a Giovanni Falcone fino alla terribile morte di quest’ultimo. Infine il tradimento da parte di chi avrebbe dovuto combattere al suo fianco. Tutto questo è “La Stanza di Agnese”. Al termine dello spettacolo, l’attrice Sara Bevilacqua dialogherà con Piergiorgio Morosini, Presidente del Tribunale di Palermo e con Alessandro Bondi, Professore ordinario di Diritto Penale all’Università di Urbino. Così Claudia Gabellini, Assessora alla legalità del Comune di Cattolica “con il progetto Anticorpi continuiamo nel percorso di rete con diversi Comuni della provincia per costruire insieme preziosi strumenti di contrasto alla criminalità, che permettono di lavorare in sinergia e dare voce sull’intero territorio a chi ha fondato il proprio credo e un’intera vita sui valori della legalità. Ringraziamo quindi l’osservatorio sulla criminalità organizzata per il prezioso supporto che ci offre costantemente e tutti gli ospiti che interverranno”.

Anticorpi 2023 sarà anche l’occasione per celebrare l’adesione del Comune di San Giovanni in Marignano all’Osservatorio sulla criminalità organizzata della Provincia di Rimini. Lunedì 20 novembre alle ore 20:45 presso la Casa della Cultura di San Giovanni, in piazza Silvagni n. 24, ci si incontrerà per l’appuntamento Cultura per la legalità, in cui verrà inaugurata la mostra Una vita contro la mafia realizzata dagli studenti dell’Istituto Einaudi Molari di Rimini, che continua il suo percorso tra i Comuni della Riviera, e per la firma da parte dell’amministrazione comunale e del Sindaco Daniele Morelli del Protocollo d’intesa che unirà il Comune all’attività di contrasto alla criminalità organizzata sul territorio da parte dei Comuni di Rimini, Riccione, Bellaria Igea Marina, Cattolica, Santarcangelo di Romagna e Misano Adriatico. Il commento di Daniele Morelli, Sindaco di San Giovanni in Marignano “Siamo davvero orgogliosi di entrare in questo meritevole progetto, e di ospitare la mostra presso la nostra Casa della Cultura, che speriamo davvero possa diventare crocevia di buone pratiche, educazione, confronto ed incontro con il territorio. Questa mostra vuole lanciare un chiaro messaggio contro la mafia e promuovere una cultura della legalità fin dalle giovani generazioni, che parteciperanno attivamente a questa proposta, a dimostrazione del valore della rete e del confronto con il territorio. Grazie a tutti coloro che ogni giorno sono al lavoro per sensibilizzare su questa tematica”. 

Interverranno alla serata il Gruppo AttivaMente, giovani marignanesi coordinati da Gianmarco della Biancia, Aps Pro Loco insieme a Salvatore Celentano di Libera contro le mafie. La mostra resterà aperta e visitabile gratuitamente su prenotazione scrivendo a cultura@marignano.net

Finale cinematografico il 27 novembre alle 21:00 al Teatro Astra di Bellaria Igea Marina, viale Paolo Guidi 77/e, con i Manetti Bros. e il loro Ammore e malavita (2017),un film musicale con Giampaolo Morelli e Serena Rossi. “Don Vincenzo Strozzalone, re del pesce e boss camorrista, scampa a un attentato e decide di cambiare vita. Stressato e braccato da criminali e polizia, si finge morto per ricominciare altrove con donna Maria, la consorte cinéphile che trova la risoluzione a tutto nelle trame dei film. Ma il suo segreto, condiviso dalla moglie e dai fedeli Ciro e Rosario, ha il fiato corto”. Il film è una dichiarazione d’amore per Napoli da parte dei Manetti Bros. che ha vinto 3 Nastri d’Argento e 5 David di Donatello. L’evento, realizzato in collaborazione con il Bellaria Film Festival, vedrà anche un matinée nelle scuole bellariesi nella mattinata del 28 novembre. 

Il Festival Anticorpi 2023 è organizzato dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata e per la diffusione di una cultura della legalità della Provincia di Rimini e promosso dai Comuni di Bellaria Igea Marina, Rimini, Cattolica, Riccione, Santarcangelo di Romagna, Misano Adriatico e San Giovanni in Marignano, dall’Unione dei Comuni dell’Alta Valmarecchia e dalla Provincia di Rimini con il contributo della Regione Emilia-Romagna. L’edizione 2023 vede la collaborazione di Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Campus di Rimini, Bellaria Film Festival, Rimbalzi Fuori Campo, Teatro della Regina di Cattolica, Pro Loco San Giovanni in Marignano, Istituto Einaudi Molari di Rimini.