Massimo Cacciari e Gustavo Cecchini in una foto d'archivio

La sua lectio analizzerà ‘Il tramonto dell’Occidente’, il primo volume della grande opera dello studioso Oswald Spengler

Ultimo appuntamento, questa volta di giovedì, con Ritratti d’Autore. A calcare il palco del Cinema Teatro Astra sarà, tra due giorni, un habitué della rassegna filosofica misanese: il noto filosofo Massimo Cacciari.

La sua lectio analizzerà ‘Il tramonto dell’Occidente’, il primo volume della grande opera dello studioso Oswald Spengler pubblicata nel 1918, in un contesto storico devastato da quell’evento epocale che fu la Prima Guerra Mondiale.

Per lungo tempo l’Occidente ha rappresentato l’idea politica di maggior successo, grazie alla quale è stato possibile conseguire livelli di stabilità, pace e progresso impensabili in epoche precedenti. Oggi quest’idea è oggetto di pesanti minacce che arrivano dall’interno. L’Occidente paga infatti lo scotto di una grave mancanza: aver smesso di garantire ai suoi cittadini quello che si aspettano dai propri governi: equità̀, prosperità̀ e sicurezza. Si spiega così l’emergere di personalità̀ e forze politiche che incarnano valori assolutamente antioccidentali. Valori che rischiano di distruggere le conquiste faticosamente raggiunte finora. Di fronte all’instabilità̀ globale e alle tensioni economiche sembra che la reazione immediata sia chiudere i confini e far ricorso al nazionalismo xenofobo. Ma non è ancora troppo tardi per invertire questa tendenza. Massimo Cacciari ci esorta a resistere lasciando aperte la mente e le frontiere.

L’appuntamento è per giovedì 28 aprile alle 21:00 al Cinema Teatro Astra. L’ingresso è gratuito sino ad esaurimento posti, secondo le norme vigenti.

Per ulteriori informazioni: Biblioteca Comunale 0541-618484; IAT Misano 0541-615520.