La locandina di "Monasteri aperti"

Si potranno visitare monasteri, pievi, abbazie e luoghi di fede millenari, lungo i Cammini e le Vie di pellegrinaggio che attraversano la Regione

Visitare preziosi tesori custoditi dentro antichi monasteri, scoprire antiche pievi e conventi sotterranei, assaggiare i liquori fatti dai monaci seguendo antiche ricette, degustare piatti medievali, imparare a costruire una bisaccia come quella dei pellegrini, sperimentare la scrittura amanuense e l’arte della spezieria monastica, visitare una chiesa a lume di candela. E ancora tour guidati in notturna, approfondimenti con esperti e docenti di storia dell’arte, esperienze e incontri con frati, monaci e suore di clausura, aperitivi, concerti, conferenze, laboratori per bambini. 

Sabato 25 e domenica 26 settembre e sabato 2 e domenica 3 ottobre in tutta l’Emilia-Romagna si potrà vivere un’intima esperienza tra bellezza e spiritualità con la terza edizione di “Monasteri Aperti”, iniziativa nei luoghi di fede che apriranno le porte al pubblico, solo per questa occasione. Da Modena a Reggio Emilia, dal Piacenza al territorio di Ravenna, dal ferrarese ai borghi in provincia di Rimini, dai suggestivi comuni del bolognese fino a Modigliana in provincia di Forlì-Cesena, sono ben 50 i luoghi di culto, con ingressi gratuiti e a pagamento, che hanno aderito all’iniziativa, e 13 i Cammini spirituali coinvolti.

Dalla sua prima edizione la manifestazione ha incontrato grande interesse, forte di un mix unico tra natura incontaminata e luoghi di grande suggestione e millenaria storia, atmosfere rarefatte fatte di silenzio e pace, esperienze uniche ed emozionanti. Il percorso, intrapreso anni fa dal turismo regionale assieme alla Conferenza Episcopale della Regione Emilia-Romagna per sviluppare il Progetto Cammini e Vie per Pellegrini, prosegue con l’invito alla scoperta, all’insegna del più puro turismo slow, dei millenari luoghi di culto della Regione. Che quest’autunno, per la prima volta, attendono gli ospiti per due fine settimana consecutivi, per dare ad ancora più persone l’opportunità di un weekend lontano da folla, smartphone e stress. 

“Monasteri Aperti” è un’iniziativa promossa da Apt Servizi Emilia-Romagna in collaborazione con la Conferenza Episcopale della Regione Emilia-Romagna e il Circuito dei Cammini dell’Emilia Romagna, con il patrocinio dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della CEI, per conoscere e promuovere il patrimonio culturale, storico e religioso del territorio. Gli eventi sono organizzati dai territori che hanno sviluppato e promosso una qualificata rete di collaborazioni e importanti patrocini, scoprire dove andare è semplice tramite il sito regionale: https://www.monasteriemiliaromagna.it/it/28-monasteri-aperti-proposte-2021.

«La nostra Regione possiede un’incredibile vocazione alla bellezza – ha commentato Monsignor Giovanni Mosciatti, Vescovo di Imola e Delegato della Conferenza Episcopale Regionale per il Turismo, Sport e Tempo Libero – del tutto idonea a sintetizzare e rappresentare millenni di storia, di culture, di tradizioni, di economie. In questo la terza edizione di ‘Monasteri Aperti Emilia Romagna’ rafforza il lavoro comune avviato con la Regione, per rendere fruibili al grande pubblico luoghi e comunità e per donare un’esperienza di senso a chiunque».

«L’ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della CEI concede sempre con piacere il patrocinio a questa iniziativa – spiega Don Gionatan De Marco, direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della CEI – perché risponde in maniera piena alla visione del turismo religioso che vogliamo, valorizzando elementi di bellezza e permettendo agli ospiti di incontrare le comunità che custodiscono e vivono quei luoghi, aprendo contemporaneamente le comunità all’incontro e alla consegna della buona notizia del Vangelo”.

Aprono le porte 50 luoghi di culto, tra monasteri, chiese, pievi, abbazie: ecco quelle in romagna

A Modigliana in provincia di Forlì-Cesena l’apertura dei Monasteri combacia con i 150 anni delle Suore Francescane della Sacra Famiglia di Modigliana. Si potrà visitare l’Istituto Lega, il Museo e le stanze della memoria e l’Appartamento storico dei Vescovi. Possibilità di visita gratuita anche al Mu.Ve, Museo di Arte Moderna del Vescovado di Modigliana. A Galeata (FC) oltre a visitare l’Abbazia di Sant’Ellero si può anche partecipare alle passeggiate da Galeata alla Abbazia con visita guidata nel centro storico di Pianetto e pranzo al sacco nella pineta.

 “Monasteri Aperti” prosegue a Bagnacavallo (Ra) con un tour alla scoperta del Convento di San Francesco dalle origini e vicissitudini tra i secoli, con degustazione finale di vino del territorio (https://monasteriemiliaromagna.it/it/offerta/eventi/1483), mentre a Solarolo, sempre nel ravennate, apre le porte il settecentesco Santuario della Beata Vergine della Salute. A Voltana di Lugo si può visitarela Chiesa di San Giuseppe, del Santuario della Beata Vergine dell’Arginino, mentre a Passogatto di Lugo si potrà passeggiare tra gli spazi dell’Oratorio della Beata Vergine di Loreto.

Proseguendo verso il mare si incontrano gli splendidi borghi del riminese anch’essi costellati di Santuari, Monasteri e Chiese. Tra bellezza e spiritualità il Monastero delle Sante Caterina e Barbara a Santarcangelo di Romagna prevede una visita nella Chiesa e nel Convento, un itinerario conoscitivo di grande interesse che verrà condotto alla presenza delle monache. Saranno loro ad offrire una vera e propria visita esperienziale della Chiesa, del coro del Monastero, un tempo di clausura, per finire nella grotta circolare che si sviluppa sotto il Monastero, considerata una delle più suggestive della Santarcangelo sotterranea (https://monasteriemiliaromagna.it/it/offerta/eventi/756). A Pennabili apre il Monastero fondato nel 1517 sulle rocce della Rupe del paese dove tutt’ora risiedono le Monache Agostiniane (https://monasteriemiliaromagna.it/it/monastero/3301-chiesa-e-monastero-di-santantonio-da-padova-delle-agostiniane). 

A Verucchio sarà possibile vedere la Chiesa di Santa Croce e il Convento Francescano. Quest’ultimo è la prima tappa del “Cammino di San Francesco: Rimini – La Verna” con il suo cipresso secolare piantato dal Santo stesso. In occasione di “Monasteri aperti” sarà possibile effettuare una camminata in compagnia delle parole di San Francesco: il trekking si snoda dalla Chiesa della Collegiata di Verucchio verso il Convento di Santa Croce luogo ormai dimenticato (https://monasteriemiliaromagna.it/it/offerta/eventi/1531). Sullo stesso cammino si trova poi San Leo, magnifico borgo dove si potranno ammirare la Chiesa di Sant’Antonio Abate e il Convento di Sant’Igne (https://monasteriemiliaromagna.it/it/offerta/eventi/944), luoghi normalmente non accessibili, testimoni e custodi di una storia antica. 

Anche Rimini apre i suoi luoghi sacri; da visitare la Chiesa di San Bernardino e il Convento delle Clarisse, con l’antica sagrestia e il Crocifisso settecentesco di Innocenzo da Petralia, accompagnati nella visita guidata dalle stesse monache di clausura. (https://monasteriemiliaromagna.it/it/offerta/eventi/757). A San Marino aprono il Monastero e la Chiesa di San Francesco.

Infine sono 13 le vie di pellegrinaggio e gli antichi cammini che si intersecano con le iniziative di “Monasteri Aperti”, creando così una rete di percorsi tematici che ripercorrono i passi di santi e pellegrini, alla scoperta di luoghi naturali di fede millenaria e di bellezze artistiche e naturalistiche. Partecipano all’evento: il Cammino di San Francesco da Rimini a la Verna, la Via Romea germanica, la Viae Misericordiae, il Cammino di Sant’Antonio, la Via degli Dei, la Piccola Cassia, Via Mater Dei, Via Romea Strata, Via Romea Nonantolana, Via Romea Germanica Imperiale, Via Matildica, Via Francigena e Via di Linari.