Esterno della Fiera di Rimini

Rinnovato il contratto per l’utilizzo dei padiglioni della fiera di Rimini fino al 2029

Archiviato un Macfrut 2024 come la migliore edizione di sempre, Cesena Fiera oggi pomeriggio ha approvato il bilancio dell’anno 2023 che registra un deciso balzo in avanti. Il valore della produzione è passato dai 6,1 milioni di euro del 2022 ai 9,2 milioni di euro dello scorso anno, con una crescita del +50%L’utile netto di gestione è stato di 445mila euro, inferiore ai 507mila euro del 2022, ma solo “sulla carta” dal momento che Cesena Fiera ha erogato un contributo straordinario di 100mila euro al Comune di Cesena destinato alle famiglie colpite dall’alluvione.

Questi risultati straordinari, che portano il bilancio di Cesena Fiera a vette mai raggiunte in precedenza, sono il risultato dalla crescita della doppia anima della società. Quella internazionale con Macfrut, il cui fatturato si avvicina agli 8 milioni di euro. Contestualmente l’anima “locale”, anch’essa cresciuta del +40% per l’appeal dei padiglioni della fiera e del Centro Congressi su cui negli ultimi anni sono stati realizzati consistenti investimenti a cui si aggiunge il plus logistico (vicinanza A14 ed E45, e parcheggi gratuiti).

Nel corso dell’Assemblea è stato comunicato ai soci la sottoscrizione del nuovo contratto tra Cesena Fiera e IEG (Italian Exhibition Group) per l’utilizzo dei padiglioni della Fiera di Rimini quale sede delle prossime cinque edizioni di Macfrut (2025-2029), sempre ai primi di maggio. Una scelta nell’ottica di sistema Romagna che ha portato un deciso beneficio alle due società.

“I risultati di bilancio confermano la giusta direzione delle scelte strategiche sia nell’asset internazionale, sia nell’anima locale – spiega Renzo Piraccini, Presidente di Cesena Fiera – In merito alla conferma della location di Rimini per i prossimi 5 anni, parlano i risultati: da un bilancio di meno di 3 milioni di euro nel 2014, ultimo anno in cui Macfrut si è svolto a Cesena, siamo passati a oltre 9 milioni. Un ruolo fondamentale al raggiungimento di questo risultato è stato il moderno quartiere fieristico di Rimini, una location di respiro internazionale a cui aggiunge il plus di una ricettività alberghiera a costi contenuti e una logistica notevolmente migliorata ora che alla stazione ferroviaria interna alla fiera fermano anche i Frecciarossa. Aggiungo che questa sinergia ha prodotto risultati positivi anche per il quartiere fieristico cesenate perché alcune manifestazioni ed eventi congressuali di medie-piccole dimensioni sono stati spostati da Rimini a Cesena”.

Soddisfazione per il rinnovato asse Macfrut-IEG anche da Maurizio Ermeti, presidente di Italian Exhibition Group. “È con vero piacere, e con reciproca soddisfazione, che è stato sottoscritto il rinnovo del contratto fra IEG e Cesena Fiera per ospitare nel quartiere fieristico di Rimini le prossime cinque edizioni di Macfrut. Il successo nazionale e internazionale dell’edizione che si è appena conclusa, per la quale ci complimentiamo con Cesena Fiera, ha del resto confermato ancora una volta la positività e la lungimiranza di una scelta che garantisce un valore aggiunto per entrambe le società e costituisce un interessante esempio di collaborazione sinergica a livello romagnolo. Una collaborazione e un’unità di intenti che si sono sviluppate e sono cresciute nel corso degli anni portando a nuovi successi una manifestazione come Macfrut che rappresenta un punto di riferimento nel settore dell’agroalimentare”.