(foto di repertorio)

La Regione supporterà l’emissione di basket bond, strumenti di finanziamento alternativi al sistema bancario, garantita con risorse pubbliche

Sostenere le piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna nell’accesso a fonti di credito alternative a quelle tradizionali, come il mercato dei capitali. E’ quanto prevede il protocollo d’intesa tra la Giunta regionale e Cassa Depositi e Prestiti che avvia un rapporto di collaborazione per promuovere l’emissione di obbligazioni – basket bond – da parte delle piccole e medie imprese della Emilia-Romagna.
basket bond, strumenti di finanziamento parallelo al sistema bancario, sono finalizzati proprio a consentire l’accesso al mercato dei capitali a quelle piccole e medie imprese o a quelle società a piccola e media capitalizzazione che, altrimenti, non avrebbero singolarmente l’appetibilità da attrarre a sé investimenti da parte di investitori qualificati e istituzionali.

“La Regione intende supportare l’emissione di bond mediante un’operazione di cartolarizzazione dei crediti delle piccole e medie imprese, garantita con risorse pubbliche, sia nazionali che comunitarie, messe a disposizione dalla Regione stessa- spiegano l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla e l’assessore al Bilancio, Paolo Calvano-. Il sostegno all’accesso al credito delle piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna è tra gli obiettivi che intendiamo perseguire anche con la nuova programmazione del Fesr 2021-2027. Cassa Depositi e Prestiti e la Regione collaboreranno nell’analisi della eventuale ripartizione dei rischi e delle modalità di realizzazione del progetto”. 

Nelle prossime settimane la Regione inizierà il processo di selezione dell’arranger, cioè il soggetto organizzatore della cartolarizzazione che mette in relazione i soggetti finanziari coinvolti con la finalità di assicurare anche il collocamento delle obbligazioni generate dall’operazione. L’arranger si occuperà, tra le altre cose, di selezionare le imprese emittenti e di costituire la cosiddetta “società veicolo”, appositamente creata per acquisire il portafoglio crediti e successivamente emettere dei titoli obbligazionari per reperire la liquidità che verrà resa disponibile da Cassa depositi e prestiti.