Il sindacato denuncia “un silenzio assordante” dalla cabina di regia e chiede “un celere riscontro da parte del comando generale”

I Forestali non hanno la possibilità di accedere all’applicativo che gestisce le domande di trasferimento fuori dal proprio comando di corpo. Lo riferisce il Nuovo Sindacato Carabinieri: “Sono tanti i colleghi che attendono ormai da inizio anno l’uscita del ‘getra’” (così si chiama l’applicativo) per “poter tentare di pianificare una nuova vita famigliare e lavorativa in sedi più gradite e che contribuiscano a migliorare il benessere famigliare e personale”. La situazione dei Forestali in alcune zone, come ad esempio a Corniglio (Parma), è “così compromessa – continua Nsc – che i militari della stazione da due anni tentano in tutti i modi di ottenere un trasferimento, ma la grave carenza di organico li rende inamovibili, nonostante operino in una condizione di assoluta insicurezza strutturale e logistica. Nessun alloggio di servizio, nè foresteria o stanze per accasermare il personale”.

Il sindacato denuncia “un silenzio assordante” dalla cabina di regia e chiede “un celere riscontro da parte del comando generale”.

NUOVO SINDACATO CARABINIERI

#ilSindacatodelCarabiniere