(foto di repertorio)

L’assessore alle attività economiche Jamil Sadegholvaad commenta i dati diffusi ieri dall’Osservatorio di Bankitalia 

“Ogni giorno ventisette casi sospetti di riciclaggio nella nostra regione. Ogni giorno ventisette imprenditori, negozianti, professionisti che rischiano di finire nella rete dei traffici finanziari illeciti, resi vulnerabili dalla crisi generata dal Covid. I dati diffusi ieri dall’Osservatorio di Bankitalia hanno contribuito a riportare sotto i riflettori una delle conseguenze meno evidenti ma più insidiose, subdole e tossiche della pandemia: l’alta esposizione del nostro tessuto economico alle sirene della criminalità. Un fenomeno che conosciamo, che però si è rinvigorito e ha cambiato modalità operative dopo lo shock causato dall’emergenza sanitaria, con nuovi profili di rischio.

I numeri forniti dall’Uif, l’unità di intelligence finanziaria della Banca d’Italia, lasciano poco spazio all’interpretazione: oltre 4.900 segnalazioni operazioni sospette in Emilia Romagna nel primo semestre, un aumento di oltre il 40% rispetto all’anno scorso, con Rimini che ne ha contate 526, quarta in regione dopo Bologna, Reggio Emilia e Modena, i capoluoghi dove sono sviluppati i principali comparti industriali emiliano-romagnoli. È evidente che nel nostro territorio, chi alimenta l’illecito trova terreno fertile nelle piccole e medie imprese diffuse che operano in particolare nel settore dei servizi, attività che per superare i problemi di liquidità dovuti al lockdown e alle chiusure prolungate possono essere spinti a rivolgersi a chi è capace di garantire subito una via d’uscita, al di fuori dei confini della legalità. Il rischio, in una fase storica così complicata e delicata, è quello di alimentare quel circolo vizioso, con gli investimenti illegali che producono redditi e automaticamente aumentano la domanda di riciclaggio.  

Condivido l’allarme lanciato dalla Cgil, richiamando la necessità di alzare il livello di guardia e adottare tutte le misure e i correttivi per invertire le tendenza e tutelare la nostra economia produttiva, commerciale e professionale dalle infiltrazioni mafiose. Occorre rafforzare gli strumenti che abbiamo messo in campo, penso agli importanti protocolli sottoscritti in questi anni con le istituzioni, le forze dell’ordine, le categorie economiche, i sindacati, così come alla necessità di mettere in rete le informazioni e le banche dati. Così come è necessario accendere l’attenzione rispetto a quei professionisti che prestano il fianco alla criminalità giocando il ruolo da intermediari, agendo in quella ‘zona grigia’. Azioni che possono dare frutti solo guardando in faccia il problema, prendendone cioè piena consapevolezza”.