Una delle sale antiche della Biblioteca Gambalunga

Più di 3 mila i libri mobilitati l’anno scorso

La Giunta comunale ha approvato lo schema del protocollo di intesa per il rinnovo annuale del progetto sperimentale di prestito interbibliotecario gratuito tra otto delle principali biblioteche romagnole (Gambalunga, Malatestiana, Classense, Manfrediana, Trisi, Oriani e comunali di Cesenatico e Cervia) per fornire gratuitamente ai lettori dei propri territori i libri disponibili nelle diverse collezioni. Questo, di fatto, si traduce nella possibilità di accesso da parte degli utenti a un catalogo più esteso e ricco di volumi, allo scopo di aumentare la circolazione dei libri e moltiplicare le opportunità di lettura, soprattutto a favore delle fasce di pubblico economicamente più fragili. Alla luce dei risultati traguardati da tutti i soggetti aderenti al protocollo, il gruppo di lavoro ha infatti deciso di proseguire con la fase sperimentale del progetto e, vista l’estensione territoriale sovra provinciale, di individuare come nuovo ente capofila la Provincia di Ravenna, in qualità di ente gestore della Rete bibliotecaria di Romagna e San Marino. 

Unica nel suo genere, solo per quanto riguarda la Biblioteca Gambalunga, sono stati oltre 3 mila i libri ‘mobilitati’ tra arrivi e partenze, a testimonianza della popolarità ed efficacia dell’iniziativa, la quale si avvale di risorse di mobilità interne per ridurre al minimo i costi del rimborso postale, facilitando così lo trasporto dei libri tra le diverse sedi, senza gravare sulle finanze dei cittadini.  Grazie al dialogo e alla collaborazione tra le istituzioni aderenti al progetto, il catalogo a disposizione del pubblico è infatti più ampio e variegato nella sua offerta, nel solco di una lettura più accessibile e inclusiva. Un buon modello di collaborazione culturale in area vasta per facilitare il prestito interbibliotecario e alimentare, parallelamente, una comunità di lettori più informata e consapevole.