Davide Brullo

Oggi alle 17 nella sala della Cineteca in via Gambalunga 27

Sarà lo scrittore e giornalista Davide Brullo l’ospite di “Libri da queste parti” di venerdì 1 marzo presso la Biblioteca Gambalunga (Sala della Cineteca ore 17), con la presentazione del libro Dimmi un verso anima mia. Antologia della poesia universale curata insieme a Nicola Crocetti che ne è anche editore.

«È un libro di formule magiche, di esorcismi, di beneaugurali epigrafi, di oltraggi e di oltranze. Va letto come si sfoglia una carta del cielo: gli atlanti celesti del tedesco Johann Bayer, per dire, dove belve stellari si inseguono lungo gli emisferi, e il cosmo, infine, non è che cristallizzata lotta, concatenazione di colpe, crogiolo d’amore. Studiare le stelle per divinare un destino, per distillare un mito. Ecco. Questo è un libro antiaccademico, da usare come si maneggia un sortilegio. Va aperto a caso, questo libro – per instradarsi nel sentiero di un verso, per orientarsi al ritmo del poema».  Così i curatori annunciano il volume nella presentazione editoriale. Un’opera mastodontica e mai tentata prima, anche nelle intenzioni:tutta la poesia del mondo, in un unico grande gioco combinatorio. Dagli Inni dell’India antica a Vivian Lamarque, da Virgilio a Wisława Szymborska, dall’Imperatore Monmu a Eugenio Montale. E poi ancora: dai Canti degli Sciamani Siberiani a Maria Stuarda, da San Paolo ad Anna Achmatova, da Lucrezio a Rainer Rilke fino a Vera Linder e Blu Temperini.

«L’intento non è critico, tanto meno compilativo: si tratta di un salto nella meraviglia lirica di ogni paese e di ogni tempo, di un viaggio nella sorpresa e nello smarrimento. Una sorta di “Mille e una notte” della lirica mondiale. Non è dunque lettura per gli “esperti”, ma per gli ispirati; per quelli che tra le maglie di un sonetto del Seicento o tra gli oscuri canti di un bardo islandese, tra le giaculatorie di uno sciamano dei deserti e negli snodi poetici di un trovatore di Provenza, trovano un conforto di curiosità, hanno il coraggio di sondare la propria anima. La poesia, si sa, è un rischio e un antidoto: leggerla, oggi, un gesto di sorridente sovversione».

Davide Brullo è scrittore, giornalista e poeta. Tra le numerose pubblicazioni si segnalano i romanzi Il lupo (2009), Rinuncio (2014), Un alfabeto nella neve (2018), Nabokov (2021); i saggi Pseudo-Paolo. Lettera di San Paolo Apostolo a San Pietro (2018), Nuovo alfabeto del sacro. Un abbecedario per disobbedienti (2023); le raccolte poetiche Annali (2004), L’era del ferro (2007), Gries (2019). Ha inoltre curato per il Saggiatore l’antologia Maledetti italiani. Dieci autori per una contro-antologia del Novecento e ha tradotto i Salmi e il Libro della Sapienza. Scrive sulle pagine culturali de «Il Giornale», ha fondato e dirige la rivista culturale «Pangea». Vive e lavora a Rimini.

Ennio Grassi saggista e sociologo della letteratura e dell’arte è autore di diverse pubblicazioni dedicate alla cultura letteraria italiana contemporanea. Dirige per l’editore Pazzini la collana di poesia dialettale “Parole nell’Ombra”.

Sarà presente un punto vendita dei libri, con firmacopie dell’autore al termine della presentazione.

Ingresso libero

Info: Biblioteca Gambalunga | tel. 0541.704488 | e-mail: gambalunghiana@comune.rimini.it

PROSSIMI APPUNTAMENTI

sabato 9 marzo, Sala della Cineteca, ore 17

Giulio Zavatta

Audiface Diotallevi. Un marchand-amateur tra Rimini, Roma e Parig, NFC, 2023

in dialogo con Alessandro Giovanardi  

giovedì 14 marzo, Sala della Cineteca, ore 17

Jacopo Pesaresi

Basinio da Parma Liber Isottaeus, Patron 2023

in dialogo con Gian Mario Anselmi e Loredana Chines

venerdì 29 marzo, Sala della Cineteca, ore 17

Maria Cristina Maselli

Sigismondo e Isotta. Una storia d’amore, Vallecchi Firenze, 2023

in dialogo con Fabio Zito     

Maggiori informazioni e aggiornamenti su

www.bibliotecagambalunga.it

https://www.facebook.com/bibliotecagambalungarimini/