Ecco come cambierà la viabilità

Le ‘foto’ immaginate durante tutti questi mesi stanno diventando realtà. E’ tutto pronto per il tanto atteso arrivo della prima tappa del Tour de France che per la prima volta nella sua ultracentenaria storia, quest’anno partirà dall’Italia con tre tappe emiliano-romagnole: Firenze-Rimini, Cesenatico-Bologna e Piacenza-Torino per oltre 600 chilometri di percorso.

La città ha cominciato a colorarsi di giallo e di tifosi in attesa dei campioni e degli occhi del mondo puntati sulla città.

Il percorso di gara sarà chiuso a partire dalle ore 14 di sabato 29 giugno.

Considerate le dimensioni dell’evento e la notevole affluenza di pubblico, la Polizia locale suggerisce, ove possibile, di anticipare eventuali partenze e spostamenti nella mattinata di sabato 29 giugno, essendo prevedibile che durante l’intero pomeriggio, anche per l’arrivo di un elevato numero di spettatori, potranno registrarsi maggiori criticità sulla viabilità.

Inoltre, per gli spostamenti sud-nord e nord-sud, nella giornata di sabato 29 giugno è altamente consigliato utilizzare la tratta autostradale Rimini Nord-Riccione. Le modifiche coinvolgono anche le linee di trasporto pubblico locale e le operazioni di raccolta dei rifiuti da parte di Hera (tutte le info https://www.comune.rimini.it/tour-de-france-2024)

Le principali indicazioni sulla viabilità

A partire dal 28 giugno viene chiuso l’ultimo km di percorso (sul Lungomare Di Vittorio) per poter allestire l’arrivo mentre il restante percorso di gara sarà chiuso a partire dalle ore 14,00 di sabato 29 giugno, con conseguente sospensione della circolazione per tutti i veicoli (ad eccezione dei mezzi d’emergenza). Per garantire la completa fruizione dell’accesso al pronto soccorso, la via Settembrini (che, nelle due corsie in direzione mare, sarà parte del percorso di gara) rimarrà percorribile su una sola corsia in direzione del pronto soccorso, dal quale sarà anche garantita l’uscita, sempre su una sola corsia, in direzione monte, ad eccezione dell’effettivo passaggio della corsa durante la quale anche in questa corsia verrà interdetta la circolazione. L’accesso al pronto soccorso sarà sempre possibile, sia in entrata che in uscita, anche da via Ovidio.

PERCORSO DI GARA

La gara entrerà nel Comune di Rimini, transitando per la Repubblica di San Marino, dalla frontiera di Dogana dove, percorrendo tutta la S.S. 72, giungerà alla nuova rotatoria tra la Superstrada di San Marino e la Statale 16 “Adriatica”.

Quindi la gara percorrerà la S.S. 16 in direzione sud fino alla rotatoria delle Befane dove entrerà nel centro abitato di Rimini e, attraverso il viale Settembrini, il viale Chiabrera e il viale Firenze, raggiungerà viale Regina Elena. Qui proseguirà su quest’ultima via fino a piazzale Gondar dove raggiungerà il Lungomare Di Vittorio, in direzione nord, fino ad attraversare la linea del traguardo (posto all’altezza del bagno 72).

ORARI DELLA GARA

L’arrivo della carovana pubblicitaria (formata da oltre 100 veicoli) è atteso alle ore 16:05 circa.

L’arrivo dei primi corridori è atteso alle ore 17:34 circa.

PRINCIPALI DISPOSITIVI DI MODIFICA DELLA VIABILITA’

Martedì 25 giugno

Dalle ore 01:00 del 25/06 alle ore 22:00 del 29/06, chiusura del parcheggio di viale Chiabrera (a disposizione dell’organizzazione del Tour).

Mercoledì 26 giugno

Dalle ore 18:00 del 26/06 alle ore 22:00 del 29/06, chiusura del Lungomare Di Vittorio, nel tratto da via La Città delle Donne a via La Voce della Luna.

Venerdì 28 giugno

Dalle ore 20:00 del 28/06 alle ore 22:00 del 29/06, chiusura del restante tratto del Lungomare Di Vittorio, da piazzale Gondar a piazzale Benedetto Croce.

Sabato 29 giugno

Dalle 10:00 alle 20:00, chiusura dell’intera area della Rotonda Lucio Battisti e delle vie Colombo (tratto Vie Bianchi/Cappellini-Rotonda Lucio Battisti), Beccadelli (tratto Viale Vespucci-Lungomare Tintori) e Lungomare Tintori (tratto Viale Beccadelli-Via Bianchi).

Gli ultimi 3 km del percorso di gara (dalla rotatoria delle Befane all’arrivo), saranno chiusi al traffico dalle ore 14:00 di sabato 29 giugno.

Attraversamenti del percorso

Negli ultimi 2 km del percorso, essendo zona abitata e ad alta presenza turistica, saranno istituiti 3 varchi nella transennatura (in quest’ultimo tratto, come detto, continua) che verranno presidiati dal personale dell’organizzazione per consentire il transito dei pedoni. Questi varchi saranno chiusi 15 minuti prima del passaggio della Carovana, poi successivamente riaperti e successivamente nuovamente chiusi 15 minuti prima del passaggio della gara. I varchi sono posti:

– Viale Firenze, 10 m prima di Viale Regina Elena (ovvero 1,3 km prima dell’arrivo)

– Piazzale Gondar (850 m prima dell’arrivo)

– Lungomare Giuseppe Di Vittorio, nei pressi di Via La Voce della Luna. L’organizzazione garantirà questo punto di attraversamento circa 315 m prima dell’arrivo.

Al fine di consentire l’attraversamento della Superstrada di San Marino che sarà parte del percorso di gara, sono stati previsti due punti di attraversamento presidiati dagli operatori di polizia:

-intersezione SS 72/via Amola/via Montevecchio;

-intersezione SS 72/via La Pastora/SP 49.

PERCORSI ALTERNATIVI

Per bypassare il percorso di gara, potrà essere utilizzato il sottopasso di via Rodriguez, raggiungibile anche dalla zona sud attraverso l’itinerario via Varisco-via Macanno-via Acquabona-via Coriano.

Per l’occasione, per raggiungere più agevolmente la via Coriano, sarà utilizzabile e percorribile (in entrambe le direzioni) anche la viabilità interna al Gros.

AUTOSTRADA A14

Il casello autostradale di Rimini-Sud sarà chiuso, in uscita, sabato 29 giugno dalle ore 14 alle ore 18 (e comunque fino a cessate esigenze) mentre, in entrata, resterà aperto ad eccezione del lasso di tempo fra le ore 17 e il passaggio della gara, quando verranno chiuse le vie di accesso e pertanto il casello autostradale non sarà accessibile.

Il presidio della Polizia Locale

Il dispositivo messo in campo dalla Polizia locale di Rimini per l’arrivo del Tour de France prevede l’impiego di circa un centinaio di agenti e di 10 ufficiali coordinatori. A questi, si aggiungeranno i rinforzi (circa una ventina) provenienti dai Comandi di Ravenna, Bellaria-Igea Marina e Santarcangelo, attivati già dagli scorsi mesi.

Al personale di polizia, si affiancheranno poi alcune decine di volontari delle associazioni di protezione civile.

Il personale in servizio sarà suddiviso su più turni e sarà impiegato nelle 80 postazioni fisse che delimiteranno l’area interdetta alla circolazione e la viabilità alternativa.

Per le necessità che dovessero verificarsi in concomitanza dell’evento, sono state previste anche sei pattuglie di motociclisti che fronteggeranno eventuali criticità sopravvenute.