Dal 21 al 23 giugno si potranno ammirare le splendide barche realizzate grazie alla sapiente arte dei maestri d’ascia e anche scoprire segreti e storie dell’andare per mare di un tempo lontano

Dal 21 al 23 giugno tornano gli eventi de Il legno e il mare, dedicati ai bellissimi esemplari di imbarcazioni in legno fedelmente restaurati e in perfette condizioni operative che andranno a impreziosire il lungomare e il mare di Riccione nel lungo weekend. Durante i tre giorni si potranno ammirare le splendide barche realizzate grazie alla sapiente arte dei maestri d’ascia e anche scoprire segreti e storie dell’andare per mare di un tempo lontano, osservare le imbarcazioni coi loro equipaggi che sfilano nello specchio d’acqua che lambisce la spiaggia di Riccione.

Il programma de Il legno e il mare prevede anche due interessanti appuntamenti culturali. Venerdì 21 giugno alle ore 21:30, Stefano Medas incontra il pubblico al Club Nautico (viale D’Annunzio, 4) per una serata sul tema dell’archeologia marina. Medas è un personaggio noto nel mondo della cultura e della tradizione legati al mare: archeologo subacqueo e navale, è presidente dell’Istituto italiano di Archeologia e Etnologia navale ed è stato docente a contratto di Storia della navigazione antica presso l’Università di Bologna e di Archeologia e Storia navale del mondo fenicio-punico all’Università di Cagliari. Ha anche condotto numerose campagne di scavo su relitti e siti sommersi, pubblicato più di cento articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali, oltre ad alcune monografie.

Sabato 22 giugno alle ore 21:30, la Serata  con il Mare e il Legno, in programma in piazzale San Martino, avrà come ospite Roberto Soldatini e il suo Stradivari. Direttore d’orchestra, violoncellista, docente di violoncello al conservatorio di Bari, autore di sei libri che parlano di libertà, di mare e della sua barca, nonché vincitore di due premi letterari e apprezzato velista e navigatore: Soldatini allieterà il pubblico con le note del suo preziosissimo violoncello del 1714, la recitazione di testi letterari e di opere poetiche, i racconti di mare e di viaggi di chi ha scelto di vivere in barca.

Le imbarcazioni in esposizione

Durante le tre giornate della manifestazione ci sarà l’esposizione delle imbarcazioni: venerdì 21 giugno dalle ore 9:30 fino alle 18:30 in piazzale San Martino è la volta delle barche storiche, seguite sabato 22 giugno dalle ore 9:30 fino alle 24:00 dalle derive in legno esposte in piazzale San Martino e da esemplari di vele al terzo nel porto di Riccione, mentre domenica 23 giugno dalle ore 9:30 fino alle 15:00 si potranno nuovamente ammirare le barche storiche in piazzale San Martino.

Sabato 22 giugno, dalle ore 11:00, nello specchio acqueo tra piazzale San Martino e il porto si svolgerà la tradizionale sfilata dei legni storici restaurati.

Domenica 23 giugno, l’edizione 2024 de Il legno e il mare si conclude con la tradizionale “rustida” di pesce a cura della Cooperativa Bagnini, in programma alle ore 20:00 in piazzale San Martino e a ingresso libero.

Il legno e il mare è un’iniziativa realizzata dal Centro Velico Città di Riccione A.S.D., in collaborazione con Club Nautico, 151 H20, Associazione Riccione Abissinia, Cooperativa Bagnini, e con il patrocinio del Comune di Riccione.