telecamera di videosorveglianza (foto di repertorio)

Approvato il progetto “Urban Watch” per intercettare i contributi regionali, previsti dal bando per la promozione della sicurezza delle città 

Lo scorso venerdì, sono stati approvati, da parte della Giunta comunale, gli atti del progetto “Urban Watch”, che consentono alla Polizia Locale di Rimini di partecipare a un bando regionale per la concessione di contributi finalizzati a sostenere iniziative di sicurezza urbana e migliorare le attività di Polizia Locale. Il progetto prevede l’implementazione di nuove telecamere OCR in 7 varchi della città e l’impiego degli Street Tutor, personale formato e autorizzato per prevenire eventuali disordini pubblici in alcune zone sensibili.

Un’opportunità – messa in capo dalla Regione Emilia Romagna e colta dall’Amministrazione comunale – per promuovere la realizzazione di progetti, volti al miglioramento dei problemi di sicurezza o disordine urbano, oppure per la qualificazione dei corpi di polizia locale. Il bando infatti può prevedere differenti tipi di strategie, come la riqualificazione, la manutenzione straordinaria dello spazio urbano, l’illuminazione, le tecnologie per la sorveglianza, oppure anche la mediazione dei conflitti per l’animazione dello spazio pubblico e la formazione dei corpi di polizia locale. Il tutto nell’ottica di tradurre le politiche di sicurezza urbana in azioni efficaci e concrete.

Con alcune di queste finalità è stato costruito, dalla Polizia Locale di Rimini, il progetto “Urban Watch”, che in particolare si riferisce a due aspetti importanti della sicurezza urbana: gli Street Tutor, la cui sperimentazione è già stata attuata in altre occasioni e l’implementazione di nuove telecamere OCR in 7 nuovi varchi, dove sono già attive altre tipologie di telecamere e tutte le connessioni necessarie alle nuove installazioni.
Strategie scelte in quanto finalizzate all’incremento della sicurezza urbana, con diversi benefici previsti, a cui si aggiungono anche diverse ore di formazione, rivolte agli agenti, su alcuni temi specifici e attuali.

L’implementazione della video sorveglianza, tramite l’installazione di nuovi varchi OCR, potrà aumentare il controllo dei transiti veicolari sul territorio comunale, così come avviane già negli altri varchi in cui questo tipo di telecamera è già operativa. Monitoraggio che, oltre a fornire uno strumento irrinunciabile alla sicurezza urbana per Polizia Locale, Carabinieri e Polizia di Stato, rappresenta anche un utilissimo strumento statistico, capace di fornire ai settori di Mobilità, Turismo e Ambiente una fondamentale mole di dati.

L’altra azione inserita nel progetto è l’adozione di un servizio di Street Tutor, nelle aree di movida, dove sono presenti pubblici esercizi e nell’ambito di eventi e manifestazioni pubbliche. Questo costituisce un’azione di prevenzione svolta da personale addestrato per queste occasioni: professionisti che, interagendo con gli avventori, possano sorvegliare, mitigare, rasserenare e contenere, se non annullare, quei fenomeni di degrado e di disturbo che sono generati da forme incontrollate di aggregazione giovanile. Figure formate e qualificate che hanno il compito di collaborare e cooperare con tutte le Forze dell’Ordine.

La concessione dei contributi – definiti dalla Regione Emilia Romagna nel bando “Promozione di un sistema integrato di sicurezza delle città e del territorio regionale” – potrà essere erogata in misura non superiore al 90% dell’importo delle spese ritenute ammissibili, per un massimo di  circa 64 mila euro. Il progetto complessivamente avrà un corso di quasi 73 mila euro.