Una bicicletta (foto di repertorio)

Per due settimane potranno essere reclamate dai legittimi proprietari: ecco come

La Polizia Locale ha concluso, ieri mattina, l’operazione di rimozione delle biciclette in divieto di sosta nel piazzale Cesare Battisti.

L’intervento si è reso necessario in quanto le biciclette, parcheggiate in maniera incontrollata e disordinata, costituivano un intralcio alla circolazione dei pedoni. Il personale della Polizia Locale, coadiuvato dal personale di Anthea, ha provveduto alla rimozione di 5 rottami e 30 biciclette parcheggiate fuori dagli spazi designati e dalle rastrelliere dell’area di piazzale Cesare Battisti, allo scopo di aumentare la fruibilità e il decoro della zona.

Le biciclette rimosse sono state depositate come oggetti rinvenuti in due depositi situati in via della Gazzella. Per quindici giorni a partire da ieri, i proprietari potranno reclamare le loro biciclette contattando la Polizia Locale al numero 0541 22666, fornendo una descrizione accurata del loro mezzo e dimostrando la proprietà per riaverlo. I proprietari delle biciclette non conformi alle regolamentazioni subiranno sanzioni conformemente al Codice della Strada. Dopo quindici giorni, le biciclette non reclamate saranno spostate al magazzino dell’ufficio economale del Comune, dove i proprietari potranno recarsi per ritirarle, presentando una copia della sanzione ricevuta.

L’amministrazione ricorda inoltre la disponibilità del Bike Park vicino alla stazione ferroviaria, una struttura aperta tutto l’anno che offre un deposito custodito capace di accogliere fino a 160 biciclette, facilitando così un’opzione sicura e organizzata per i ciclisti.