Pattuglie dei Carabinieri (foto di repertorio)

Tre gli arresti durante le festività pasquali e diversi gli interventi da parte dei Carabinieri di Riccione, ecco quali

Nel corso del fine settimana concomitante con le festività pasquali, i Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno intensificato i controlli del territorio, predisponendo pattuglie a piedi nelle vie del centro di Riccione e Cattolica, effettuando controlli agli avventori sopraggiunti in treno presso la Stazione Ferroviaria, nonché attivando il presidio di piazzale Ceccarini.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno arrestato:

  • un 30enne che, fermato dalla Radiomobile mentre transitava in piazzale Aldo Moro alla guida di un auto, forniva generalità ritenute false ai militari che lo controllavano. Sottoposto ad accertamenti più approfonditi, risultava non aver mai conseguito la patente di guida ed essere già stato sorpreso in altre circostanze. Pertanto, veniva dichiarato in stato di arresto con l’ipotesi d’accusa di aver fornito generalità false agli operanti e veniva deferito in stato di libertà per la violazione reiterata dell’obbligo di guida con patente. Nella mattinata odierna, verrà sottoposto al rito direttissimo di fronte al Giudice di Rimini;
  • un 29enne straniero, già destinatario di un ordine di espulsione dal territorio italiano, irrogato nei suoi confronti un anno fa, che veniva controllato a bordo di un’autovettura in transito nel centro di Riccione. L’arresto veniva convalidato dal Giudice di Rimini che disponeva nei confronti del giovane l’obbligo di presentazione presso la Stazione Carabinieri di Riccione, in attesa di approfondimenti volti a comprendere la legittimità di un presunto ricorso presentato avverso il provvedimento di espulsione. Se la legittimità non venisse provata, lo straniero verrà nuovamente espulso alla frontiera;
  • un 28enne dell’est-europeo, in flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, poiché, fermato a Riccione a bordo della propria autovettura poco dopo essere stato notato cedere dello stupefacente ad altro giovane, veniva perquisito e trovato in possesso di circa 7 grammi di cocaina, suddivisi in 8 dosi pronte per lo smercio al dettaglio. Dichiarato in stato di arresto, veniva condotto presso il Tribunale di Rimini ove la misura pre-cautelare veniva convalidata dal Giudice che applicava allo straniero la misura del divieto di dimora nelle province di Rimini, Ravenna, Forlì e Cesena.

I militari dell’Arma hanno anche denunciato in stato di libertà:

  • un 32enne straniero, indiziato di aver commesso il furto di alcuni capi di abbigliamento in danno di un noto negozio del centro della Perla;
  • due giovani, indiziati del reato di porto abusivo di oggetto atto ad offendere e che, in distinte circostanze, venivano sottoposti a controllo e trovati in possesso di coltelli;
  • otto utenti della strada, risultati positivi alla prova etilometrica, per guida in stato di ebbrezza alcoolica, provvedendo alla sospensione delle relative patenti di guida.

I militari della Radiomobile di Riccione, lungo via Circonvallazione, hanno anche “pizzicato” e sanzionato due tassisti abusivi, nonché il conducente di un pulmino da 21 posti, tutti improvvisatisi N.C.C. – senza alcuna autorizzazione – in occasione dei festeggiamenti pasquali presso le discoteche del litorale.

Nel corso del servizio coordinato di controllo del territorio, i Carabinieri della Compagnia di Riccione, coadiuvati da personale della Polizia Locale, da militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Rimini, nonché del Nucleo Anti Sofisticazione di Bologna, hanno anche eseguito accertamenti nei confronti di un hotel. Numerose irregolarità venivano riscontrate, dalle quali l’elevazione di sanzioni amministrative per oltre 2.000 euro e la temporanea sospensione dell’attività: presenza di lavoratori in nero, omissione di manutenzione degli estintori presenti, mancanza di autorizzazione del sistema di videosorveglianza, omissione della registrazione obbligatoria di numerosi degli ospiti della struttura e incongruenze strutturali del primo piano dell’edificio rispetto alla mappa catastale dell’edificio.