Christian Andruccioli e la sindaca Daniela Angelini

La sindaca Daniela Angelini: “Desideriamo che le cittadine e i cittadini siano al centro di questo dibattito e che le scelte del Piano si misurino concretamente con le ambizioni e gli interessi di tutti”

Come immaginiamo Riccione fra dieci anni? A partire da questa domanda, la sera di martedì 16 aprile il Comune di Riccione presenta alla città, al Palazzo del Turismo, i primi esiti di Riccione cambia, il percorso di consultazione e partecipazione del Piano urbanistico generale.

“Riccione è una città attrattiva, turistica e ricca di servizi, imprese, persone – dichiara Daniela Angelini, sindaca della città -. Tuttavia, viviamo in un mondo in rapidissima evoluzione e in cui la crisi climatica, la recente pandemia e l’alluvione dello scorso anno ci hanno mostrato i limiti del nostro agire. Pensiamo dunque che sia indispensabile avere un Piano (il Pug, Piano urbanistico generale) con cui ripensare la città. Desideriamo che le cittadine e i cittadini siano al centro di questo dibattito — prosegue la sindaca — e che le scelte del Piano si misurino concretamente con le ambizioni e gli interessi di tutti”. 

I soggetti coinvolti

I giovani e il mondo ambientale, che immaginano una città più verde, sostenibile e proiettata al futuro. Gli abitanti di quartieri e frazioni e il tessuto sociale, che immaginano una città più bella, attrezzata e a misura di persona. Le imprese, che hanno idee, risorse e interesse ad investire in progetti di rigenerazione urbana e ambientale. Il mondo della cultura e della creatività, che sa produrre contenuti con cui riattivare contenitori e spazi in disuso e può accompagnare i processi di trasformazione e innovazione urbana. I professionisti, che sono chiamati dalla nuova legge urbanistica ad innovare le proprie competenze e ad affiancare chi intende investire sulla città con attenzione al consumo di suolo, al clima che cambia, al riuso del patrimonio. 

Riccione cambia sarà l’occasione per fare il punto sull’idea di città che possiamo costruire col Piano — commenta Christian Andruccioli, assessore all’urbanistica e all’ambiente -. Nella prima parte della serata presenteremo il percorso e i tempi di elaborazione del Pug, il gruppo di lavoro e i primi esiti del lavoro iniziato: anzitutto una sintesi delle analisi sulla città che stanno emergendo dal quadro conoscitivo e a cui l’Ufficio di Piano sta lavorando; poi l’esito della Scuola di Urbanistica “Superr”, un’esperienza di urbanistica partecipata inedita nel panorama nazionale, sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna e dedicata al protagonismo delle ragazze e dei ragazzi di Riccione come contributo alla strategia del Piano; e infine gli esiti dei focus-group dedicati ai soggetti strutturati del territorio: le associazioni, i rappresentanti delle categorie economiche, i sindacati, gli ordini professionali e il mondo ambientale con cui l’Ufficio di Piano si è confrontato sul Pug a novembre e dicembre scorso”.

Nella seconda parte dell’incontro verrà presentato il ciclo di laboratori dedicati al Piano, “quattro incontri tematici – conclude Andruccioli – che stiamo pianificando sul territorio tra maggio e ottobre 2024. Incontri dedicati a cittadine e cittadini, con cui vogliamo approfondire il quadro conoscitivo del Piano, condividere i temi della legge attraverso il contributo di esperti e discutere le sfide che saranno alla base della strategia del Pug”.

L’incontro del prossimo 16 aprile si terrà al Palazzo del Turismo, alle 20.45. Oltre alla sindaca e ai componenti della Giunta comunale, saranno presenti i rappresentanti dell’Ufficio di Piano e gli esperti che stanno accompagnando il Comune di Riccione nello sviluppo del Pug.

L’incontro avrà una durata di circa due ore, possono partecipare tutte le persone interessate: cittadini, studenti, imprenditori, professionisti, associazioni, gruppi informali, comitati, rappresentanti dei quartieri, etc.

Per le iscrizioni è possibile compilare il modulo al seguente link:  http://bit.ly/come-immaginiamo-riccione