Un momento della riunione dei sindaci del distretto sud

Il 14 marzo a San Giovanni in Marignano la presentazione del servizio gratuito a favore dei cittadini di tutta l’area sud della provincia

In sei comuni del Distretto socio-sanitario di Riccione è stato attivato la settimana scorsa il progetto “Psicologo di quartiere” con l’apertura di sei sportelli d’ascolto psicologico a San Giovanni in Marignano, capofila dell’iniziativa, Cattolica, Coriano, Misano Adriatico, Morciano di Romagna e San Clemente. Il servizio, volto alla prevenzione dei disagi psicologici e alla tutela del benessere mentale ed emotivo, è accessibile gratuitamente a tutti i cittadini dei comuni del Distretto di Riccione.

La presentazione del progetto

Il progetto sarà presentato alla cittadinanza nell’incontro pubblico in programma giovedì 14 marzo alle 17,30 alla Sala del Consiglio del Comune di San Giovanni in Marignano (via Roma, 59), capofila dell’iniziativa. Interverranno alla presentazione la sindaca di Riccione Daniela Angelini, presidente del Comitato del Distretto socio-sanitario di Riccione, il direttore ad interim del Distretto Mirco Tamagnini, il sindaco di San Giovanni in Marignano Daniele Morelli e la vicesindaca e vicepresidente del Comitato del Distretto Michela Bertuccioli. 

Per l’Ordine degli psicologi saranno presenti il presidente nazionale David Lazzari e il presidente regionale Gabriele Raimondi insieme alla vicepresidente dell’Ordine degli assistenti sociali Annamaria Costantini. Interverrà anche Loretta Michelini, presidente di MondoDonna Onlus che ha collaborato alla stesura del progetto.

Come funziona il servizio

Gli sportelli psicologici, seguiti da due psicologhe e psicoterapeute, sono aperti dalle 9,30 alle 12 un giorno alla settimana in ciascun comune in cui è attivo il servizio. Gli spazi d’ascolto nascono per dare una risposta ai bisogni  e ai disagi di un contesto sociale sempre più complesso e in continua mutazione, caratterizzato negli ultimi anni da una crescente fragilità economica e sociale che affligge soprattutto le fasce più deboli della popolazione, gli anziani, i giovani e le famiglie indigenti.

In questo contesto la prevenzione, ma anche l’ascolto e l’orientamento, assumono un ruolo molto importante e lo sportello diventa il primo approccio del cittadino che sente la necessità di un confronto e di un sostegno psicologico per sé o per la propria famiglia. Il servizio si basa su un approccio sinergico in rete con gli enti pubblici e privati del territorio, in particolare con il Servizio sociale territoriale, per fornire un supporto pronto e efficace per la prevenzione del disagio e il sostegno della fragilità. 

Il progetto, approvato dal Comitato di Distretto e finanziato nell’ambito del Programma attuativo 2023 del Piano di Zona per la salute e il benessere sociale del Distretto di Riccione. Per informazioni: tel. 3347052222.