Lo stato di avanzamento delle opere finanziate dal programma. Il sindaco Sadegholvaad e l’assessora Frisoni: “Tutti i progetti in linea con le milestone fissate dal piano”

Entrano nel vivo i lavori per la ricostruzione dell’asilo Peter Pan a Viserba, uno dei tre nuovi nidi che saranno realizzati attraverso il vasto programma di interventi che l’Amministrazione ha definito attraverso le risorse intercettate dal Pnrr. Da domani infatti inizierà la demolizione dell’attuale struttura presente in via Sacramora, che sarà poi ricostruita adottando le più moderne e innovative soluzioni architettoniche, impiantistiche e in grado di favorire forme di didattica che escono dagli spazi canonici delle aule. Linee progettuali che accomunano tutti i tre nidi attualmente in fase di realizzazione: oltre al Peter Pan, sono infatti in corso i lavori per il nuovo nido Pollicino al Parco Pertini a Marebello e per il Girotondo in via Codazzi. Si parla di investimenti per 7 milioni di euro per le tre scuole finanziate attraverso il Pnrr, che consentirà di completare i lavori strutturali per la fine del 2025 e mettere quindi a disposizione oltre 250 posti nido già dall’anno educativo 2026-2027.

Una road map in linea con i milestone stabiliti dal programma europeo, che scandiscono i tempi di realizzazione delle opere e che l’Amministrazione comunale sta rispettando per tutti i cantieri in cui è attualmente impegnata e che consentiranno nel giro di un paio di anni di dotare la città di infrastrutture e servizi importanti per la città e per lo sviluppo complessivo del territorio.

Tra le opere più attese, c’è la nuova piscina comunale a Viserba, intervento dal valore complessivo di 10,5 milioni di euro partito nel luglio scorso. A inizio dicembre è stata completata la posa delle fondazioni del nuovo impianto, mentre a breve di procederà con il getto del solaio delle vasche della piscina (quella principale da 10 corsie, 25×25 metri e due dedicate all’acqua fitness e avviamento al nuoto), propedeutiche alla realizzazione delle strutture in elevazione. Il progetto sarà completato dalla riqualificazione del parco su cui si affaccia la piscina, il “don Tonino Bello”, andando così a creare un polo per lo sport e per l’aggregazione indoor e outdoor che sarà consegnato alla città nella sua completezza tra la fine del 2025 e l’inizio del 2026.

Avanzano come da crono programma anche i lavori per il completamento di un nuovo tratto del Parco del Mare sud, tra piazzale Gondar e via Siracusa, di fronte all’ex Colonia Murri. In questi giorni sta proseguendo la posa della pavimentazione in legno per la realizzazione dei camminamenti e in parallelo è iniziata la messa a dimora delle alberature che accompagneranno la passeggiata lato mare. Già verso Pasqua sarà quindi più chiara la fisionomia di questo nuovo spazio riqualificato, che sarà completato e messo a disposizione dei riminesi e dei turisti entro l’estate. La riqualificazione proseguirà nell’autunno 2024 con il tratto successivo, fino a via Latina, per un investimento complessivo di 25 milioni di euro,

Tra le opere Pnrr in fase più avanzata c’è il nuovo centro servizi per il contrasto alle fragilità in corso di realizzazione all’ex caserma dei vigili del fuoco di via De Warthema, progetto a capo del Distretto socio-sanitario di Rimini e che in fase di completamento.

Si conta di chiudere entro il 2024 l’intervento di riqualificazione e rifunzionalizzazione dello Stadium di Rimini, opera dal valore di 4 milioni di euro che doterà la città di un contenitore ammodernato e migliorato nei servizi, punto di riferimento per la danza sportiva nazionale e allo stesso tempo in grado di garantire la possibilità di ospitare eventi musicali e sportivi anche internazionali tutto l’anno.

L’estate segnerà invece l’avvio per un’altra opera di grande rilevanza per l’intero territorio il secondo stralcio del  Metromare, il collegamento rapido oggi attivo dalla stazione centrale di Rimini a Riccione e che nel prossimo futuro continuerà il suo percorso verso nord, fino al quartiere fieristico. Avanza la progettazione definitiva ed esecutiva in capo all’aggiudicatario dell’appalto, con un piano di lavori  che traghetta la conclusione dell’infrastruttura al 30 giugno 2026 come stabilito dal Pnrr che finanzia l’opera per un valore complessivo di 60 milioni di euro. Sempre in tema di trasporto pubblico, nel 2024 Start Romagna procederà all’acquisto di nuovi autobus ad alimentazione elettrica per 7 milioni di euro che andranno in particolare a innovare la rete di trasporto pubblico nella zona turistica nord (linea 4).

Novità anche per quanto riguarda il centro sportivo all’ex area Ghigi, opera che prevede il completamento e la rifunzionalizzazione dell’impianto che comprenderà 7 campi da calcio, con la possibilità di realizzare anche un campo polifunzionale. È stata infatti indetta la conferenza dei servizi che porterà presumibilmente entro il prossimo mese ad approvare il progetto definitivo per poi passare al successivo step di progettazione. L’obiettivo è quello di partire con i lavori entro il 2024.

“Ad oggi tutti i progetti Pnrr che vede impegnati la nostra Amministrazione sono in linea con le tempistiche e le rigide milestone fissate dal programma europeo – sottolineano il sindaco Jamil Sadegholvaad e l’assessora al Pnrr Roberta Frisoni – Già questo è un primo obiettivo non banale, che ci fa guardare con fiducia e ottimismo ai mesi che abbiamo davanti. Ed è anche una ulteriore conferma di quanto proprio gli enti locali, se messi nelle condizioni adeguate, possano essere efficienti e operativi nella definizione e nella messa a terra delle opere pubbliche che contribuiscono a migliorare la vita della comunità. Per Rimini tradurre in realtà i progetti Pnrr significa proiettarsi nel futuro con più infrastrutture green, più servizi a favore dei cittadini, nuovi asili e impianti sportivi, più spazi riqualificati da vivere”.