Dopo l’avvio arriva il bollino giallo di controllo sugli eventuali errati conferimenti

Nei prossimi giorni gli operatori di Hera, in accordo con il Comune di Misano Adriatico, avvieranno un’azione a supporto del cittadino per il corretto conferimento dei rifiuti.

Su contenitori e sacchetti con anomalie nella partica della raccolta differenziata saranno apposti dei ‘bollini gialli’ per avvisare il cittadino che deve apportare modifiche sul proprio conferimento.

L’iniziativa riguarda anche altri comuni e rientra nella fase di controllo previsto al termine dell’ormai superato periodo di rodaggio del sistema di raccolta porta a porta integrale attivo a Misano Adriatico dal 2020.

Il bollino giallo è uno dei sistemi studiati per migliorare il conferimento del rifiuto e combattere gli abbandoni, un tema molto sentito dall’Amministrazione comunale.

“Iniziamo sul territorio a monte della ferrovia ed entro la Statale – conferma l’Assessore all’Ambiente Nicola Schivardi – per correggere i conferimenti che generano difficoltà nella gestione dei rifiuti. Affinché la filiera virtuosa arrivi a buon fine con il recupero di materia e la sua rigenerazione nelle varie forme previste, è necessaria una gestione corretta. Misano Adriatico è già su altissimi livelli nel conferimento differenziato, è infatti il primo comune costiero, ma abbiamo il dovere di migliorare ancora e generare una solida cultura ambientale”.

L’attività di raccolta rifiuti porta a porta prevede la verifica da parte dell’operatore Hera della correttezza del conferimento e della qualità del materiale, secondo quanto stabilito dal regolamento.

Nel caso in cui venga riscontrata un’inesattezza nel conferire i rifiuti, l’operatore applicherà un bollino giallo adesivo per ‘errato conferimento’ sul manico del bidoncino oppure al sacchetto esposto impropriamente,

Per segnalare agli utenti le eventuali non conformità rilevate, sul bollino viene posta una X in corrispondenza della voce relativa alla non conformità.

I casi sono diversi: esposizione del rifiuto in contenitore non corretto, esposizione nel giorno sbagliato, raccolta differenziata non corretta, mancato ritiro del bidone dopo lo svuotamento, conferimento di quantità superiori rispetto a quelle consentite di rifiuto indifferenziato, conferimento di rifiuto non consentito (es. ingombranti).

Il rifiuto erroneamente preparato non verrà ritirato e dovrà essere cura del cittadino ripetere l’operazione, secondo le regole note.

Per chiarimenti sull’avvio dei nuovi servizi o per esigenze particolari – ad esempio per chi ha bisogno di contenitori più grandi o per chi utilizza presidi medici sanitari e necessita di un passaggio aggiuntivo – si può contattare il Servizio Clienti Hera 800.999.500 per le famiglie e 800.999.700 per le aziende (numeri verdi gratuiti, attivi dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18).

Per informazioni e segnalazioni sono inoltre disponibili l’apposita sezione del sito www.gruppohera.it e l’app di Hera Il Rifiutologo, scaricabile gratuitamente per iPhone/iPad e Android – oggi integrata con Alexa, l’intelligenza artificiale di Amazon – su www.ilrifiutologo.it.