(Shutterstock.com)

Il bilancio dell’attività dei carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno dato luogo a specifici e mirati servizi coordinati di controllo del territorio, finalizzati a prevenire e reprimere gli eventi delittuosi, con particolare riferimento al fenomeno dei reati contro il patrimonio. Sono state incrementate, pertanto, le pattuglie impegnate in servizi di perlustrazione, con un significativo e positivo impatto sulla percezione della sicurezza da parte di cittadini.

I servizi, articolati nella vigilanza dinamica effettuata dagli equipaggi oltreché nell’esecuzione di numerosi posti di controllo in prossimità delle aree cittadine maggiormente isolate, potenzialmente più esposte all’odioso fenomeno criminale dei furti in abitazione, hanno permesso l’identificazione di oltre 120 persone ed il controllo di circa 50 autovetture.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno arrestato:

  • due soggetti originari dell’Europa dell’Est, precisamente un 28enne ed una 25enne, entrambi senza fissa dimora, sottoponendoli a fermo di indiziato del delitto di ricettazione. Fermati dai Carabinieri della Stazione di Misano Adriatico mentre, a bordo di un’autovettura, percorrevano la Strada Statale, venivano trovati in possesso di numerosi prodotti di cosmesi, per un valore di oltre 1.000 euro, occultati all’interno di una borsa. La merce, a seguito del controllo, risultava provento di un precedente furto e, pertanto, veniva sottoposta a sequestro. I due venivano sottoposti a fermo e, come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente, tradotti rispettivamente nelle carceri di Rimini e Forlì. Il provvedimento veniva successivamente convalidato dal Giudice che disponeva la scarcerazione e la sottoposizione alla libertà controllata con obbligo di presentazione alla P.G. per entrambi;
  • un diciottenne straniero, indiziato dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità. Lo stesso, in orario notturno, quasi completamente nudo, saliva in piedi sopra al cofano di una macchina ferma al semaforo rosso in centro a Riccione e si metteva a prenderne a calci la carrozzeria. Sopraggiunti i Carabinieri, su richiesta al 112 della donna che occupava la macchina, il giovane si alterava ancora di più, cercando di sottrarsi al controllo di polizia e aggredendoli con calci e pugni. Bloccato e condotto in caserma, lo straniero si rifiutava di fornire le proprie generalità, pertanto veniva dichiarato in stato di arresto, per essere successivamente tradotto presso il Tribunale di Rimini, ove l’arresto veniva convalidato e disposta la misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione di un familiare a Rimini;
  • un 47enne già sottoposto alla misura dell’affidamento in prova a Coriano, poiché destinatario di ordine di carcerazione emesso dall’Autorità Giudiziaria di Sorveglianza di Bologna, a seguito delle reiterate violazioni alle disposizioni a lui imposte dalla misura originaria.

I militari dell’Arma hanno altresì denunciato in stato di libertà:

  • un 18enne, indiziato del reato di detenzione e spendita di banconote false. Il giovane aveva cercato di effettuare l’acquisto di un cocktail presso una nota discoteca del luogo, consegnando una banconota del valore di 50 euro, palesemente falsa. Il barman, accortosi delle incongruenze della banconota – che riportava la dicitura stampata in rosso “Prop Copy” -, segnalava l’accaduto al personale di sicurezza del locale, il quale accompagnava il ragazzo all’uscita e contattava il 112, determinando l’arrivo sul posto dei Carabinieri della Sezione Radiomobile di Riccione. I militari sottoponevano a perquisizione personale il 18enne, trovandolo in possesso di ulteriori due banconote di pari valore, anch’esse contraffatte. Il denaro veniva sottoposto a sequestro, mentre il giovane veniva deferito a piede libero;
  • tre utenti della strada, risultati positivi alla prova etilometrica, per guida in stato di ebbrezza alcoolica, provvedendo alla sospensione delle relative patenti di guida.