Attività di controllo dei Carabinieri (foto di repertorio)

Ecco il bilancio dei controlli svolti giovedì scorso da Carabinieri in collaborazione con la Polizia Locale

Nel pomeriggio dell’8 febbraio, i Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno intensificato i controlli del territorio dei comuni di riviera, incrementando la presenza di pattuglie impegnate in servizi di perlustrazione, al fine di prevenire e reprimere gli episodi di criminalità, con particolare riguardo ai furti in abitazione. Il fenomeno, particolarmente odioso, nonostante il dato statistico dell’ultimo trimestre appaia in calo rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, desta certamente un grave allarme sociale, data la violenza emotiva suscitata in chi subisce la violazione del proprio ambiente domestico e, allo stesso modo, data la preoccupazione degli altri residenti che temono di poter diventare a loro volta vittime. In tale contesto, giovedì, la risposta operativa dell’Arma, che già quotidianamente svolge servizi d’istituto sul territorio volti a contrastare i reati e ad alimentare il senso di sicurezza dei cittadini, è stata potenziata anche con la collaborazione di personale della Polizia Locale. I servizi, sviluppati tra Riccione, Misano Adriatico e Cattolica ed articolati nella vigilanza dinamica effettuata dagli equipaggi oltreché nell’esecuzione di numerosi posti di controllo in prossimità delle aree cittadine maggiormente isolate, potenzialmente più esposte all’odioso fenomeno criminale, hanno permesso l’identificazione di oltre 150 persone ed il controllo di circa 70 autovetture.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno arrestato:

  • un 41enne nordafricano, che si sarebbe introdotto all’interno degli spogliatoi di una nota struttura sportiva nella zona di Cattolica, ove avrebbe tentato di asportare denaro contante ed una decina di telefoni cellulari, verosimilmente sottraendoli dalle borse e dagli indumenti dei calciatori al momento impegnati in campo per l’allenamento. Sorpreso sul fatto, si dava alla fuga, disfacendosi della refurtiva, ma veniva prontamente bloccato dai militari della Tenenza di Cattolica, intervenuti a seguito di una segnalazione del personale tecnico in servizio presso la stessa struttura sportiva. Il predetto, indiziato per l’ipotesi di reato di furto aggravato, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Stazione di Riccione locale ed è stato sottoposto a Giudizio direttissimo davanti all’Autorità Giudiziaria di Rimini nella mattinata di ieri;
  • un 30enne nordafricano che, controllato da personale della Stazione di Riccione in quel centro mentre si aggirava a piedi con fare circospetto, è risultato destinatario di un provvedimento definitivo di carcerazione emesso dall’Autorità Giudiziaria riminese, in relazione ai reati di furto aggravato, resistenza ad un pubblico ufficiale e lesioni. Veniva pertanto accompagnato in caserma per le operazioni di rito e poi tradotto presso il carcere di Rimini;

I militari dell’Arma hanno anche potuto denunciare in stato di libertà:

  • un 39enne est-europeo ed una donna di 58 anni che, in due distinte occasioni ed in due differenti supermercati, avrebbero tentato di sottrarre l’uno prodotti alimentari, occultandoli nel proprio zaino, l’altra dei cosmetici, venendo però, in entrambi i casi, colti in flagranza ed immediatamente controllati dai militari e pertanto deferiti per l’ipotesi di reato di furto aggravato;
  • tre utenti della strada, risultati positivi alla prova etilometrica, per guida in stato di ebbrezza alcoolica, provvedendo alla sospensione delle relative patenti di guida.