Il documento d’indirizzo alla progettazione si riferisce a diverse aree di intervento dove è necessario un miglioramento del patrimonio stradale esistente

Con il via libera della Giunta, ieri è stato approvato il documento di indirizzo alla progettazione (DIP) relativo all’intervento denominato “Interventi di manutenzione straordinaria diffusi sul territorio”. Una serie di opere che riguardano alcuni importanti interventi di manutenzione straordinaria, diffusi sul territorio.

Il documento d’indirizzo alla progettazione si riferisce a diverse aree di intervento dove è necessario un miglioramento del patrimonio stradale esistente, attraverso lavori puntuali finalizzati al ripristino delle condizioni di sicurezza per la circolazione ed il decoro urbano. Finalità che si aggiungono a quelle di realizzare opere edili utili al ripristino della funzionalità degli impianti, per migliorare la qualità degli spazi aperti e verdi della città e per migliorare le condizioni del reticolo idrografico minore.

Diversi sono gli ambiti di intervento individuati sul patrimonio pubblico, che in particolare si riferiscono a: 

  • la manutenzione straordinaria delle opere a verde all’interno di alcuni spazi del parco del mare consistente nella sostituzione di alcuni esemplari arborei ammalorati comprese le attività complementari ad essi afferenti; 
  • sistemazione accesso rotatoria tra viale Tripoli e viale Ugo Bassi per il miglioramento della viabilità in prossimità della rotatoria e risolvere alcune problematiche legate al traffico veicolare che si sono intensificate nell’area in oggetto; 
  • opere strettamente connesse alla manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica, scavi con la posa di nuove tubazioni con relativi ripristini, pozzetti di derivazione, plinti di supporto per pali di illuminazione ed armadi stradali;
  • messa in sicurezza con ripristino della pavimentazione stradale relativo al V PEEP AUSA Parcheggio sulla via Moretti in prossimità di via Drudi, in più tratti deteriorata;
  • messa in sicurezza del reticolo idrografico minore, fossi e attraversamenti (tombinature) stradali, per l’eliminazione di potenziali allagamenti delle sedi stradali di via Santa Acquilina, via Villanova, via Acqualagna e via Tamagnino;
  • ripristino delle condizioni di sicurezza per la circolazione e decoro urbano, di tratti di marciapiede situati in via Marecchiese e via Acquario. Progettazione per dicembre 2023.

Il progetto non è inserito nella programmazione triennale delle opere pubbliche del 2023/2025 in quanto si prevede di affidare l’esecuzione dei lavori ad Anthea Srl, che assumerà il ruolo di stazione appaltante. Il quadro economico per tutte le opere previste è stimato complessivamente in 295 mila euro; il progetto potrà essere suddiviso in lotti funzionali.