(Shutterstock.com)

Sequestrati circa 7 mila euro in contati e 50 grammi di cocaina

Nel pomeriggio di sabato 2 dicembre, i Carabinieri della Sezione Operativa del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, unitamente a personale della Stazione Carabinieri di Rimini Porto, hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente tre individui, in Italia per motivi turistici e tutti domiciliati in un appartamento di Marina Centro. 

A seguito di numerose segnalazioni dei residenti, i militari avevano posto in essere un’attività d’indagine (pedinamenti e servizi di osservazione) conclusasi nel pomeriggio di sabato. Uno dei tre giovani è stato sorpreso, in flagranza di reato, mentre stava cedendo circa 10 grammi di cocaina ad un cinquantenne pesarese. A questo punto è scattato l’intervento dei militari che hanno fermato entrambi i soggetti, facendo poi accesso all’appartamento occupato dal cedente ove venivano trovati altri due soggetti.

La successiva perquisizione personale e domiciliare permetteva di rinvenire ulteriori 40 grammi circa di cocaina, un bilancino elettronico e materiale per il confezionamento delle dosi, nonché la somma di euro 7000,00 circa in contanti, il tutto sottoposto a sequestro, in quanto ritenuto pertinente all’ipotesi di reato. I tre giovani, poco più che maggiorenni, al termine degli accertamenti di rito, venivano tratti in arresto dai militari – rispettivamente a vario titolo – per l’ipotesi della cessione dello stupefacente al cinquantenne pesarese, nonché per il concorso nell’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed associati alla Casa Circondariale di Rimini. Nella mattinata di mercoledì u.s., il Giudice del Tribunale di Rimini convalidava l’arresto e disponeva, per tutti e tre i soggetti, la custodia cautelare in carcere in attesa del processo.