Il materiale ed i soldi sequestrati dai Carabinieri

Dovranno rispondere anche di porto abusivo di oggetti atti ad offendere poiché in macchina è stato trovato un coltello. L’operazione dei Carabinieri.

Nel pomeriggio di lunedì, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Riccione hanno messo a segno un colpo significativo, nell’ambito del contrasto attinente allo smercio delle sostanze stupefacenti, arrestando un 27enne originario dell’Est Europa, ed una 19enne, in flagranza dell’ipotesi di reato di spaccio e detenzione di cocaina ed hashish, denunciandoli contestualmente per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio che interessava le vie del centro riccionese, l’attenzione dei militari veniva catturata da un movimento piuttosto equivoco, con protagonisti alcuni giovani. In particolare, in una delle traverse del centro città, veniva notato il sopraggiungere di un’auto di grossa cilindrata – con a bordo la coppia poi arrestata – che si accostava a margine strada. Poco dopo, sopraggiungeva a piedi un ragazzo che si accostava al finestrino del mezzo dal lato del passeggero. Il finestrino veniva abbassato ed avveniva, così, un palese scambio, mediante movimenti sicuri e repentini: il giovane giunto a piedi consegnava delle banconote agli occupanti della macchina, i quali – senza scendere dalla vettura – gli passavano qualcosa di dimensioni ridotte.

A quel punto, i Carabinieri decidevano di intervenire, intercettando e bloccando tutti i soggetti coinvolti: il giovane, risultato essere un 33enne del posto, aveva appena ricevuto una dose di cocaina, che teneva ancora stretta nel pugno di una delle mani, chiusa nelle tasche del giubbotto. Veniva effettuata una perquisizione nei confronti degli occupanti della macchina, che dava esito positivo in quanto all’interno del veicolo veniva rinvenuto un coltello, mentre il 27enne straniero risultava detenere, occultati nelle mutande, circa 75 grammi di hashish e oltre 5 grammi di cocaina, nonché un bilancino di precisione, il tutto in una bustina di cellophane. Il controllo veniva esteso quindi all’abitazione, con l’ausilio di unità cinofila della Polizia Locale di Riccione: qui, venivano rinvenuti oltre 35.000 euro in contanti, materiale vario per la pesatura ed il confezionamento del narcotico, nonché 2 grammi di cocaina e 2 grammi di marijuana e 15 panetti di hashish, dal peso complessivo di circa 1 chilo e mezzo.

Tutto il materiale ed il denaro, ritenuto verosimile provento dell’attività di spaccio, venivano quindi sottoposti a sequestro, mentre la giovane coppia veniva dichiarata in stato di arresto: al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva associato al carcere di Rimini, mentre la donna al carcere di Forlì, in attesa del giudizio di convalida, come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente.