Alberi visti dal basso verso l'alto (foto d'archivio)

Continua a estendersi il patrimonio verde e arboreo del territorio  

Prosegue l’impegno da parte dell’amministrazione comunale per l’implementazione e l’arricchimento del patrimonio arboreo del territorio, attraverso un approccio integrato volto alla rinaturalizzazione degli spazi urbani: un obiettivo che si è rinnovato negli scorsi giorni con l’approvazione in Giunta di un Documento di Indirizzo Progettuale con il quale la città di Rimini si accinge a ospitare nelle sue arterie oltre 250 nuovi alberi. Un intervento volto a incrementare l’infrastruttura verde cittadina – la cui esecuzione è affidata alla società Anthea – che si focalizzerà in particolare nella zona costiera e in numerose strade della città, abbracciando, ad esempio, viale Regina Elena, viale Regina Margherita e via Maestri del lavoro. 

Inoltre, in armonia con l’iniziativa “Regala un Albero alla Tua Città”, che promuove la partecipazione dei soggetti privati nella donazione di alberi a favore della collettività, il Centro Zavatta, in collaborazione con la Società PMG, ha effettuato un dono di 60 alberi di specie autoctona, tra cui querce, frassini, salici e pioppi. Questi alberi saranno messi a dimora a partire dal mese di dicembre nell’area verde del Parco Marecchia, contribuendo così a un verde urbano sempre più rigoglioso.   

Nel contesto della forestazione dell’area A14 (compensazione terza corsia), la Società Autostrade, inoltre, ha garantito IL finanziamento per la distribuzione di piante forestali su un’area complessiva di circa 10 ettari, suddivisi in 8 diverse aree, con inizio dei lavori previsto dal 2024 una volta ultimate le fasi di verifica dei progetti (pronti) e le dovute approvazioni.   

Va avanti anche il percorso di rinaturalizzazione del waterfront riminese grazie al prolungamento del Parco del Mare: nelle scorse settimane, infatti, sono partiti i cantieri per la realizzazione del tratto 6 che permetteranno di riqualificare la zona compresa tra piazzale Gondar e via Siracusa, di fronte all’ex Colonia Murri, eliminando l’asfalto e lasciando spazio a materiali sostenibili, ad aree verdi e spazi per relax, gioco e sport. Dall’autunno 2024, in parallelo, prenderanno il via gli interventi sul tratto 7, da via Siracusa fino a via Latina.    

Si ricorda, inoltre, nell’ambito della manutenzione ordinaria, le operazioni di sfalcio erboso, dai parchi Giovanni Paolo II, Poderi della Ghirlandetta, Fabbri, Alcide Cervi, XXV Aprile, ai quartieri a monte della statale 16, passando per le aiuole, con particolare attenzione a quelle adiacenti la viabilità, come la via della Repubblica, Euterpe, Panzini e tutte le aree cimiteriali. Attualmente è in corso la stagione delle potature che si protrarrà fino a marzo 2024.    

Questi progetti, dai più piccoli ai più grandi, rappresentano un nuovo capitolo nella nostra missione di rendere Rimini una città sempre più verde e sostenibile, grazie a una sequenza di investimenti e di misure che ha permesso di dare vita, già da anni, a un percorso di forte trasformazione – spiega Anna Montini, Assessora alla Transizione ecologica del Comune di Rimini -. L’infrastruttura del Parco del Mare è paradigmatica in questo senso, un contenitore di innovazioni in chiave green e di funzionalità capaci di suscitare la curiosità e l’interesse anche in ambito internazionale. Anche in vista della Giornata nazionale dell’Albero in programma il 21 novembre, come amministrazione possiamo dire che la nostra attenzione per il verde ha le radici profonde, perché consapevoli da tempo del valore degli alberi, della forestazione urbana e delle opere per la resilienza ai cambiamenti climatici. Per questo ringraziamo anche i tanti privati e i tanti cittadini attenti al tema della cura dell’ambiente che, con i loro gesti generosi, contribuiscono a plasmare un nuovo futuro della città di Rimini”.