Nella variazione di bilancio investimenti per 2 milioni: risorse per la protezione dati informatici dell’Ente e per il gattile temporaneo in via Maderna

Procede il progetto dell’Amministrazione comunale di avvicinamento dei servizi al cittadino. La V Commissione, nella seduta di ieri che ha segnato la ripresa delle attività consiliari dopo la pausa estiva, ha espresso parere favorevole all’acquisto dell’immobile che ospiterà il distaccamento della Polizia Locale e la delegazione anagrafica a Corpolò.  

La nuova sede è stata individuata a seguito di una indagine di mercato avviata dall’Amministrazione e si trova nella nuova piazza di Corpolò, Piazza dei Bizzochi,  all’angolo tra la Via Zaccagnini e la Via Caduti del Soccorso Aereo, in una zona quindi centrale e ben servita da parcheggi e percorsi pedonali e ciclabili. L’immobile è stato realizzato nell’ambito di un piano particolareggiato di iniziativa privata di recente realizzazione, che presenta locali completati allo stato grezzo avanzato, che dunque richiedono solo le ultime rifiniture per essere messi a disposizione. Considerato sia l’intento di fare un investimento strutturale per il potenziamento dei servizi sul territorio, sia accolta la disponibilità della proprietà a completare gli interventi sull’immobile secondo le esigenze dell’Amministrazione, gli uffici hanno ritenuto conveniente proporre l’acquisto della sede anziché l’affitto come ipotizzato in un primo momento.  

“Una scelta che conferma la volontà di investire in maniera duratura e permanente sui servizi di prossimità  – sottolinea l’assessore alla Polizia Locale Juri Magrini – Diamo concretezza ad uno degli interventi centrali nel programma di mandato di questa Amministrazione, portando uffici e presidi nel cuore dell’abitato di Corpolò, in un’area facilmente raggiungibile e frequentata, dunque accessibile e in connessione con altri servizi lì presenti, diventando così un polo funzioni a servizio dei cittadini”.  

La gestione della nuova sede di Corpolò e dei nuovi uffici comunali di prossimità in corso di realizzazione a Miramare, nella zona dei Padulli, Viserba – è una delle voci finanziate attraverso la variazione al bilancio di previsione 2023, anch’essa discussa questa mattina dalla V Commissione. Per la parte corrente, la manovra prevede  l’assorbimento della minore entrata da Imu, su cui incide l’inattesa esenzione prevista dalla sentenza della Corte Costituzionale (n. 209 del 13 ottobre 2022): con la sentenza la Corte ha stabilito una nuova definizione di abitazione principale, riconoscendola anche per i coniugi con residenze diverse. A partire dal 20 ottobre 2022 dunque non è più richiesto il pagamento dell’IMU come seconda casa al coniuge residente che vi dimori abitualmente, mentre l’altro vive nell’altro immobile in precedenza individuato come unica abitazione principale per tutto il nucleo familiare. Per il bilancio del Comune di Rimini l’effetto di tale decisione si è tradotto in una proiezione di mancate entrate da Imu per circa 450-500mila euro. Tra le maggiori spese anche il canone per illuminazione pubblica (860.000 euro) per gli ultimi trimestri del 2023, parametrate al nuovo tariffario del servizio aggiornato al luglio scorso. La manovra finanzia inoltre la prossima Stagione di prosa del Teatro Galli, il rinnovo della convenzione con Asp Valloni per la copertura dei servizi tra 0-6 anni e la sottoscrizione del servizio di Cyber security control room, per prevenire e ridurre il rischio di potenziale riduzione dei dati in possesso dell’Amministrazione comunale.  

Sul fronte degli investimenti attraverso l’avanzo libero saranno finanziati interventi per circa 2 milioni di euro in particolare l’efficientamento energetico della sede comunale Palazzo Ex Aquila d’oro ottimizzare e ridurre i consumi energetici, il potenziamento dell’accessibilità della zona stazione attraverso il completamento della sistemazione dei marciapiedi di piazzale Cesare Battisti, interventi per i cimiteri del forese e in particolare di San Lorenzo in Correggiano. Risorse sono destinate anche alla riqualificazione di via Maderna, con il potenziamento dell’illuminazione e il rifacimento delle asfaltature dell’area, dove nascerà il gattile comunale temporaneo L’obiettivo è quello di rendere operativa la struttura già per la fine dell’anno.