Il cane Otello finito in canile dopo che è rimasto orfano

L’appello del canile “K. Lorenz”: “Aiutateci a farlo uscire, a fargli vivere quello che gli resta libero, accanto a qualcuno a cui lui possa regalare quella infinita dolcezza che gli appartiene. All’assistenza sanitaria ci pensiamo noi”

Otello era stato adottato quando aveva due anni di vita e adesso che ha 16 anni, dopo 14 anni vissuti accanto al suo compagno umano, è tornato in canile poiché è rimasto improvvisamente orfano. Quando gli operatori del canile sono andati a prenderlo dormiva, pacato, vicino al camino. Ora Otello è di nuovo nella struttura per cani senza famiglia e cercargli casa è davvero urgente.

“Quando un cane anziano entra in canile – spiega lo staff del canile di Riccione – ti senti inerme perché il dramma che lui vive è inconsolabile. Dopo aver passato anni in una casa, dando tutto sé stesso a coloro che pensava fossero la sua famiglia, all’improvviso si ritrova solo in un box e non riesce a farsene una ragione.

Quando adotti un cane anziano, ti nutri della sua riconoscenza. La percepisci, la vedi nei suoi occhi, te la senti sulla pelle quando ti si appoggia addosso e finalmente lo senti respirare sereno.”

Nella foto Otello un pastore maremmano di 16 anni. Aveva 2 anni quando fu adottato proprio nel nostro canile. Ha trascorso 14 anni fedelmente accanto al suo proprietario fino al mese scorso, quando la persona purtroppo è deceduta.

Abbiamo fatto di tutto per non farlo rientrare in canile ma purtroppo non ci siamo riusciti. Dormiva accanto alla stufa quando siamo andati a prenderlo. Oggi Otello vive come se fosse la mascotte di tutti gli operatori e i volontari, ma questo non gli basta per consolare la sua tristezza.

Aiutateci a farlo uscire, a fargli vivere quello che gli resta libero, accanto a qualcuno a cui lui possa regalare quella infinita dolcezza che gli appartiene. All’assistenza sanitaria ci pensiamo noi!” Per conoscere Otello oppure ricevere maggiori dettagli, contattare lo 0541 645454