Foto di gruppo davanti alla stella dedicata a Pavarotti. Presenti, oltre a Stefano Bonaccini, David Michael Jerome, la console generale d’Italia a Los Angeles, Silvia Chiave, il deputato Christian di Sanzo, la console Lorenza Errighi.

“Un onore essere qui a ricordare il Maestro, la sua arte straordinaria e la sua umanità. Ambasciatore nel mondo dell’Italia e della sua terra”

Un omaggio a Luciano Pavarotti, la cui stella dalla fine di agosto brilla nella Walk of Fame di Hollywood, a Los Angeles. Lo ha tributato il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che nella missione istituzionale in California ha fatto tappa al 7065 di Hollywood Boulevard, soffermandosi davanti alla Stella n. 2.730 col nome del grande tenore modenese.

“E’ per me un grande onore essere qui oggi a ricordare il Maestro Pavarotti, la sua arte straordinaria, la sua umanità- ha detto Bonaccini-. Uno dei simboli della lirica e della cultura italiana nel mondo, ambasciatore ovunque del nostro Paese, dell’Emilia-Romagna e di Modena, la sua terra, cui è rimasto per tutta la vita profondamente legato e dove ha portato i maggiori artisti e personaggi contemporanei. E particolarmente amato proprio qui negli Stati Uniti”.

Un amore vivo ancora oggi a quindici anni dalla scomparsa del tenorissimo, come dimostra il successo della mostra che a Luciano Pavarotti ha voluto dedicare il Grammy Museum, e che sarà prolungata fino alla fine dell’anno. Fra gli oggetti esposti lo spartito della Messa da Requiem di Verdi utilizzato dal Maestro per il debutto con questa pagina sacra nel 1967 al Teatro alla Scala di Milano diretto da Herbert von Karajan, sul quale sono raccolte le dediche e gli autografi di molti dei grandi direttori con cui l’ha poi interpretata nel corso di trent’anni.

Alla cerimonia presso alla Walk of Fame, anche il presidente David Michael Jerome, la console generale d’Italia a Los Angeles, Silvia Chiave, il deputato Christian di Sanzo, la console Lorenza Errighi.

Bonaccini ha anche colto l’occasione per fare visita alla Stella di Ernani Bernardi, secondo membro del Consiglio comunale più longevo della città e musicista di valore. Bernardi era figlio di emigrati provenienti a inizio Novecento da Maserno di Montese, sull’appennino modenese. Al presidente è stata consegnata anche una foto del giuramento di Bernardi nel Municipio di Los Angeles.

La visita in Municipio

Successivamente, il trasferimento proprio al Municipio di Los Angeles, dove la delegazione emiliano-romagnola è stata ricevuta da Joe Buscaino, membro del 15^ distretto del Consiglio comunale cittadino, che ha consegnato una “Proclamation” a Bonaccini.

Emilia-Romagna ancora protagonista nella serata di ieri, in occasione dell’Italian Excellence Gala and Awards promosso dalla Camera di commercio italiana a Los Angeles, in collaborazione con il Consorzio dell’Aceto balsamico di Modena, il Comune e la Camera di commercio di Modena, Genoma e Albedo Films.  E con la partecipazione delle “Sfogline” di Casa Artusi.  

Tra i premiati anche Energica Motor, il primo costruttore di moto elettriche supersportive Made in Italy, espressione del Gruppo Crp di Modena, nel cuore della Motor Valley dell’Emilia-Romagna.