Cocaina (foto di repertorio)

Occultati dentro ad un carica batteria aveva nascosto 10 involucri contenenti cocaina

Gli agenti della Polizia di Stato di Rimini, nelle prime ore del 3 novembre, hanno tratto in arresto un cittadino albanese per il reato di detenzione ai fini di spaccio  di sostanze stupefacenti.

I fatti risalgono alle 02:20 quando una volante della Questura di Rimini riceveva una segnalazione di un soggetto che, per l’intera nottata in sella ad una bicicletta sul tratto pedonale di Miramare, si incontrava ripetutamente con diverse persone, probabilmente per cedere della sostanza stupefacente. 

I poliziotti, una volta individuato il soggetto segnalato, decidevano di sottoporlo a controllo. L’uomo volontariamente estraeva dal giubbino un telefono cellulare, del denaro ed un caricabatterie per cellulari, che risultava manomesso. Al suo interno, erano stati nascosti dieci involucri in plastica contenenti cocaina.

Il soggetto, inoltre, estraeva dalla tasca del proprio giubbino un altro involucro in plastica contenente sempre cocaina; durante il controllo emergevano sul telefono cellulare diverse conversazioni che facevano presumere l’attività di spaccio.

In considerazione dei fatti accaduti, la persona veniva tratta in arresto e sottoposta in data odierna al giudizio del rito direttissimo, a seguito del quale l’arresto veniva convalidato.