(foto di repertorio)

L’uomo, un sessantenne, è riuscito a farsi consegnare quasi 5mila euro da un dipendente di un altro istituto di credito. Il secondo colpo nella stessa mattinata gli è andato male

Nel pomeriggio di ieri, il personale della Squadra Mobile ha arrestato in flagranza di reato un sessantenne resosi responsabile di rapina ai danni di una banca.

Poco prima della pausa pranzo, i cassieri di una banca del centro città si sono visti rivolgere un’insolita richiesta da un uomo distinto il quale mimando di essere armato e celando la mano destra nella tasca destra del proprio giaccone, ordinava di consegnargli il denaro contante in quanto era una rapina. Un impiegato si rifugiava in uno degli uffici mentre il rapinatore si dirigeva verso la scrivania dell’altro dipendente, reiterando con fare più minaccioso la richiesta di denaro.

A questo punto l’impiegato consegnava al malvivente la somma di euro 4.820,00 raccolte da un elastico che il rapinatore prendeva fuggendo poi per ignota destinazione immediatamente dopo. L’intervento del personale operante faceva emergere che l’autore del fatto era lo stesso che in precedenza nella stessa mattinata aveva fatto irruzione all’interno di un’altra banca del centro, utilizzando lo stesso modus operandi ma nell’occasione era stato prontamente segnalato alle volanti che lo avevano bloccato e denunciato a piede libero per la tentata rapina.

Le immediate attività d’indagine confortate dalla visione delle immagini portavano a comprendere che l’uomo era lo stesso e le ricerche mai interrotte consentivano di individuarlo alcune ore dopo, al suo rientro presso un albergo dove aveva preso alloggio un paio di giorni prima, ancora in possesso di parte del denaro rapinato in banca per un controvalore di € 3.620,00. L’uomo veniva tratto in arresto e tradotto presso la locale Casa Circondariale in attesa dell’udienza di convalida.