(foto di repertorio)

I controlli straordinari in Centro Storico da parte della Polizia di Stato

Il personale della Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arresto un cittadino tunisino per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

A seguito dell’intensificazione dei controlli in centro storico da parte del Questore di Rimini, poco prima delle 22 in Piazza Malatesta, gli agenti hanno notato due soggetti confabulare in modo sospetto in corrispondenza di un bar della piazza, decidendo quindi di sottoporli ad un accertamento. Nel momento in cui uno dei due poliziotti si avvicinava ai due per eseguire il controllo, uno dei soggetti impediva all’agente di avanzare strattonandolo, facendo scappare il suo amico.

L’agente riusciva a divincolarsi e, di corsa, raggiungeva il fuggitivo poco dopo. L’uomo, già conosciuto alle Forze dell’Ordine in quanto sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma presso la locale Questura, stringeva in una mano una bustina contenente 3 involucri termosaldati, contenenti sostanza stupefacente, poi accertata essere cocaina, per totali 1,59 grammi ed un involucro contenente sostanza stupefacente accertata essere hashish pari a 2,42 grammi. Il soggetto custodiva nel portafoglio Euro 1205,00, molto probabilmente denaro proveniente dall’attività di spaccio e due smartphone sui quali giungevano numerose chiamate da numeri sconosciuti, molto probabilmente essere ipotetici “clienti” del soggetto in questione.

Inoltre, da una perquisizione presso il suo domicilio, veniva ritrovato hashish per un totale di 121,45 grammi, Cocaina pari a 37,74 grammi, un bilancino di precisione ed un rotolo di pellicola trasparente, materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi.

In considerazione dei fatti accaduti, la persona veniva tratta in arresto e sottoposto in data odierna al giudizio del rito direttissimo.

Inoltre, il soggetto che aveva strattonato uno dei due agenti veniva deferito in stato di libertà per il delitto di Resistenza a Pubblico Ufficiale.