L'incontro durante il quale è stato presentato il volume e il sito sulle origini del fascismo

Con il sostegno della Regione il progetto scientifico di ricerca storica è stato curato da 11 istituti storici della resistenza e dell’età contemporanea emiliano-romagnoli

Con rigore scientifico e con l’obiettivo di promuovere una riflessione critica sulle ragioni, sui tempi e sulle forme dell’affermazione dello squadrismo fascista in Emilia-Romagna a un secolo di distanza della marcia su Roma.

Prende forma un originale progetto scientifico di ricerca storica curato da 11 Istituti Storici della Resistenza e dell’età contemporanea emiliano-romagnoli. Un meticoloso studio degli Istituti, che hanno su questi temi lavorato congiuntamente negli ultimi anni, dal quale nascono un portale web dedicato e un volume, ‘Le origini del fascismo in Emilia-Romagna (1919-1922)’.

“Ricordiamo il centenario della Marcia su Roma attraverso un volume accurato e un sito web ricco di informazioni, immagini e suggestioni – commenta l’assessore regionale alla Cultura e Paesaggio, Mauro Felicori -. Ognuno può così navigare nella storia della nostra regione e ripercorrere quelle drammatiche vicende che portarono all’affermazione di un regime violento, illiberale e totalitario, riscoprendo luoghi, fatti, biografie, documenti e informazioni accessibili dalla rete”.

Prendendo in esame un periodo storico in cui il fascismo non aveva ancora un forte seguito politico e una solida base popolare, l’Emilia-Romagna rappresentò, pur in modo non uniforme, un interessante laboratorio di biografie e strategie destinate ad orientare il nuovo corso della storia, dove le cronache dei primi anni Venti risulteranno decisive per la lettura della più generale vicenda nazionale. 
Le iniziative legate al progetto sono state sostenute dalla Regione attraverso un finanziamento previsto dalla legge regionale sulla Memoria e la storia del Novecento in Emilia-Romagna.

Oggi a Bologna la presentazione del portale e delle iniziative con l’assessore regionale alla Cultura e Paesaggio, Mauro Felicori, i rappresentanti degli Istituti Storici della Resistenza e dell’età contemporanea emiliano-romagnoli, il curatore del volume, il professor Andrea Baravelli dell’Università di Ferrara, l’editore di Pendragon, Antonio Bagnoli.

La sfida dell’operazione storiografica è quella di rinnovare lo stato degli studi regionali sullo squadrismo, riorganizzando l’ampia mole di documenti esistenti.

Il Portale
L’obiettivo del portale (www.originifascismoer.it) è quello di offrire nuovo materiale al dibattito pubblico, frutto di un accurato lavoro di analisi delle fonti e di riorganizzazione grafica delle stesse. Online attraverso sezioni (corredate di tabelle, grafici e riassunti) dedicate ai contesti locali, ai risultati elettori a documenti ufficiali e biografie, si ricostruiscono gli eventi degli anni Venti del secolo scorso, quando il fascismo s’impose in Emilia-Romagna mostrando il proprio volto più violento. Con i cosiddetti ‘squadristi’ che non esitarono a ricorrere ai metodi più brutali e ad uccidere in più occasioni chi non condivideva i loro principi violenti e totalitari, di negazione della democrazia.
Sul sito, al di là del racconto del fenomeno squadrista, che pure costituisce una fonte importante per descrivere l’universo mentale dei carnefici, si trova un focus sulla violenza che rappresentò l’elemento cruciale dell’affermazione fascista.
Il fascismo si impose con la violenza nel frammentato campo delle forze patriottiche e strinse saldi legami che quei soggetti – dalle forze dell’ordine alla magistratura, dal mondo militare ai prefetti – che in teoria avrebbero dovuto tutelare lo Stato. Grazie alla violenza, lo squadrismo ridisegnò infine la geografia politica della regione, cancellando i risultati elettorali e imponendo, con le dimissioni forzate delle Giunte comunali, una gravissima alterazione del concetto stesso di rappresentanza.

Il volume
Parallelo al Portale web, è il volume (465 pagine, edizioni Pendragon ottobre 2022) “Le origini del fascismo in Emilia-Romagna (1919-1922)” curato da Andrea Baravelli, professore associato dell’Università di Ferrara.
Il fascismo nacque milanese, ma crebbe in Emilia-Romagna. Fu infatti in questa regione, vero e proprio laboratorio della politica novecentesca, che il movimento fondato da Mussolini s’irrobustì. Fino ad avere la forza per traghettarsi da vincitore a Roma. Naturale raccordo di ambienti distanti, luogo di passaggio obbligato per chiunque voglia attraversare la penisola, l’Emilia-Romagna ebbe un ruolo fondamentale nelle vicende della crisi dello Stato liberale. Fu infatti il suo controllo, affermato attraverso il dispiegamento di una violenza cieca e fin lì inedita, a consentire al fascismo di ergersi a fenomeno nazionale.