Un momento durante la presentazione del patto

​​​Erano ​presenti il presidente della Provincia Riziero Santi,​ l’assessore del Comune di Rimini, Francesco Bragagni,​ il consigliere provinciale Giuliano Zamagni e i​ sindaci e ammininistatori dei 27 comuni aderenti

Al termine di un lavoro di alcuni mesi, nell’ambito del percorso attuativo del Patto provinciale per il Lavoro e per il Clima (PLC), e dopo l’approvazione all’unanimità del Consiglio provinciale lo scorso 28 luglio, ​ieri​ nel Giardino del PART di Rimini ​è stato​ presentato e sottoscritto il Patto per la promozione della legalità, della sicurezza e della qualità del lavoro negli appalti di lavori della provincia di Rimini.

​Erano ​presenti il presidente della Provincia Riziero Santi,​ l’assessore alla legalità del Comune di Rimini, Francesco Bragagni,​ il consigliere provinciale delegato a Sicurezza e Legalità Giuliano Zamagni e i​ sindaci e ammininistatori dei 27 comuni aderenti, i ​rappresentanti dei sindacati e delle categorie firmatari. La presentazione del Patto ​è stata ​affidata al dirigente della Provincia, Ivan Cecchini​.​

Il Patto si propone il contrasto delle infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia legale del territorio e la promozione della qualità del lavoro, la promozione della cultura della legalità, della cittadinanza responsabile e della sicurezza in materia di appalti nella provincia di Rimini, la tutela dell’impresa sana, dei lavoratori occupati negli appalti pubblici e della qualità del lavoro degnamente retribuito, la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, il contrasto dell’irregolarità delle condizioni di lavoro, la prevenzione e il contrasto dell’illegalità a livello sociale e nel tessuto economico-produttivo della provincia, assicurando la migliore qualità delle opere pubbliche. Il Patto prevede anche un​ tavolo di lavoro​ che sarà istituito presso la Provincia di Rimini, composto dalle parti firmatarie, con il compito di monitorare e analizzare il lavoro irregolare e la regolarità degli appalti, con supporto e scambio di dati con gli enti e le altre realtà locali.Il Patto per la promozione della legalità, della sicurezza e della qualità del lavoro negli appalti di lavori è il frutto della collaborazione tra Provincia di Rimini, Confindustria Romagna, CGIL Rimini, CISL Romagna, UIL Rimini, FILLEA-CGIL Rimini, FILCA-CISL Romagna, FENEAL-UIL Rimini, ANCE Romagna, CNA Rimini, Confartigianato Rimini,  Confcooperative Romagna, AGCI Emilia-Romagna, Legacoop Romagna, Cassa Edile FCR, CEDAIIER, Scuola Edile Artigiana Romagna, Scuola Sicurezza Formazione Edilizia della Romagna Accorpata (S.F.E.R.A.): tutti soggetti firmatari, insieme ai 27 Comuni della provincia di Rimini.