Sirene blu della Polizia (foto di repertorio)

L’uomo è stato denunciato per ricettazione

Nel pomeriggio di domenica, la Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arresto un ragazzo italiano per il reato di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento.

Alle 18.20 circa, una volante della Polizia di Stato che stava effettuando un controllo nella zona di Viale Regina Margherita, ha notato un giovane uomo che si presentava in una situazione disagiata, con vestiti sporchi ed un piccolo zaino. Tale scenario suscitava negli agenti la curiosità di un controllo più accurato.

Dal controllo effettuato si riscontrava che all’interno dello zaino vi erano due telefoni cellulari del valore complessivo di Euro 2000,00, una carta di credito ed un documento d’identità intestati ad un nome non corrispondente al proprio.

Da accertamenti più approfonditi gli agenti hanno appurato che gli oggetti in suo possesso erano già stati oggetto di denuncia di furto sporta nella stessa giornata. L’uomo è stato quindi accompagnato in Questura e tratto in arresto in attesa del giudizio direttissimo. Dovrà rispondere anche di ricettazione.