Una pattuglia dei carabinieri in viale Dante

Numerosi giovani, senza mascherina, avevano creato delle barriere umane tanto da impedire il passaggio. Disposta la chiusura per 5 giorni

A seguito dei recenti disordini che hanno interessato il cuore della “Perla”, nella notte di mercoledì 4 agosto, i carabinieri della Compagnia di Riccione hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio creando dei veri e propri punti di presidio nelle aree maggiormente frequentate dalla movida.

In particolare, gli uomini dell’Arma hanno vigilato per tutta la notte sulle principali vie del centro e contestualmente sono stati effettuati specifici controlli nei locali affollati dai teenagers per verificare il rispetto delle disposizioni anti contagio.

In viale Dante, i carabinieri hanno dunque disposto la chiusura di due noti locali, punto di aggregazione delle numerosissime comitive di giovani che in questi giorni, senza la minima osservanza del distanziamento e tutti privi di mascherina, avevano creato delle barriere umane che impedivano perfino il passeggio.

Al loro arrivo, i carabinieri hanno accertato che entrambi i locali non rispettavano le specifiche disposizioni anti contagio emanate per i gestori di bar ed esercizi commerciali con vendita al dettaglio: è stato infatti verificato il mancato distanziamento tra i tavoli, la mancata separazione dei punti di accesso e deflusso dal locale ed altro ancora. 

Ai due locali è stata quindi comminata una sanzione pecuniaria ed è stata loro imposta la chiusura per 5 giorni.