L'esterno della Questura di Rimini (foto di repertorio)

Dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio, rifiuto di fornire le proprie generalità, violenza privata e porto abusivo di armi 

Ieri mattina, alle ore 7.30 circa, una volante della Questura di Rimini è intervenuta in Viale Amerigo Vespucci in quanto era stato segnalato un soggetto molesto che infastidiva clienti e avventori intenti a far colazione nei pressi di un bar lì ubicato.

L’uomo, un sammarinese di 25 anni, in forte stato di alterazione dovuta all’assunzione di alcool, ha minacciato avventori e dipendenti impugnando una chiave inglese, subito sequestrata dagli agenti. 

Quando i poliziotti hanno iniziato la redazione degli atti volti a sanzionare l’uomo, questo ha iniziato ad inveire nei confronti degli agenti proferendo insulti e minacce. Vani i tentativi di riportare l’uomo alla calma.

Accompagnato presso gli uffici della Questura per l’identificazione, l’uomo ha continuato ad assumere un atteggiamento violento iniziando a tirare calci all’autovettura di servizio e colpendo alla mano uno dei poliziotti al fine di farlo desistere dal compimento degli atti dovuti.

L’uomo, pertanto, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio, rifiuto di fornire le proprie generalità, violenza privata e porto abusivo di armi. Al termine dell’udienza, tenutasi ieri mattina, l’arresto è stato convalidato e la persona, in attesa dell’udienza definitiva, è stata sottoposta all’obbligo della firma presso gli uffici della polizia giudiziaria.