Una gazzella dei Carabinieri (foto di repertorio)

Arrestato dai carabinieri. Il complice si è dileguato con il cellulare rubato

In particolare,  i carabinieri sono intervenuti – a seguito della chiamata al 112. Un altro cittadino originario del Marocco, anche lui in vacanza a Riccione, denunciava di essere stato appena rapinato del cellulare da un soggetto che era riuscito a bloccare dopo una violenta colluttazione in viale D’annunzio.

All’arrivo dei carabinieri, il malvivente era effettivamente immobilizzato a terra. L’uomo, assieme ad un altro soggetto al momento ignoto, dopo aver avvicinato la vittima con la scusa di richiedere una sigaretta, aveva sfoderato una lama da rasoio e minacciando il connazionale si era fatto consegnare il suo telefono cellullare

Il colpo però non si è concluso come da copione: infatti, appena il rapinatore ha voltato le spalle per darsi alla fuga, la vittima ha inscenato una improvvisa reazione, ingaggiando un corpo a corpo che ha sì consentito di bloccare uno degli aggressori ma non di recuperare il telefono cellulare, volatilizzatosi insieme all’altro rapinatore.

Una volta condotto in carema,  l’uomo è stato sottoposto a formale identificazione e dichiarato in stato di arresto. Quindi è stato condotto presso la casa circondariale di Rimini su disposizione del PM di turno e vi rimarrà in attesa della convalida del provvedimento.

Nel frattempo i carabinieri hanno avviato specifiche indagini finalizzate ad accertare l’eventuale coinvolgimento dell’arrestato in altri analoghi episodi.