Una vettura della Polizia di Stato (foto di repertorio)

Il giovane è stato arrestato per lo stesso reato il 1° di dicembre

Una coppia di giovani, 18 anni lui 16 lei, è stata sorpresa passeggiare alle 23 circa in via Alessandro Gambalunga, all’altezza dell’incrocio con via Roma. Una pattuglia della Polizia di Stato li avvicina per procedere al loro controllo. Da subito, i poliziotti notano una forte somiglianza tra la giovane e una ragazza scomparsa da Padova il giorno precedente.

I giovani, tuttavia, dicono di non avere nessun documento. Gli agenti tentano, così, di spiegare alla ragazza che avrebbe dovuto seguirli in Questura per gli accertamenti ma la coppia inizia a manifestare un certo disagio. Si rifiutano di salire sull’auto della Polizia e approfittando di un momento di distrazione dei poliziotti, al passaggio di tre loro connazionali sulla via Gambalunga, la ragazza spintona uno degli agenti e cerca di scappare sulla vicina via Roma.

A nulla sono valsi i tentativi dei poliziotti di calmare la giovane e farle capire quanto fossero preoccupati i suoi familiari. Il ragazzo, un 18enne tunisino senza fissa dimora, assale alle spalle la poliziotta con una ginocchiata alla schiena, facendole perdere l’equilibrio e consentendo così alla 16enne di scappare. Grazie all’aiuto del collega, il 18enne viene condotto in Questura.     

Il giovane è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il poliziotto si è procurato escoriazioni alla mano destra mentre la collega è stata dimessa con una prognosi di 5 giorni a seguito della ginocchiata.

Il giovane è stato, inoltre, sanzionato per violazione della normativa covid in quanto in centro, fuori dall’orario consentito e senza giustificato motivo.  

Nel corso della colluttazione avuta con il poliziotto, il ragazzo ha perso dalle tasche 2 cellulari, di cui non sapeva indicare la provenienza, che gli sono costati una denuncia per ricettazione.

Da più approfonditi accertamenti, il 18enne è risultato essere stato arrestato, lo scorso 1’ dicembre, per resistenza a p.u. ai danni di altri poliziotti, a seguito di un intervento scaturito dalla segnalazione di alcuni passanti che avevano notato 3 ragazzi molesti, e nei paraggi senza motivo. 

La 16enne, rintracciata nella mattina di oggi, è stata denunciata per concorso nella resistenza avvenuta la scorsa sera e affidata ai servizi sociali