Una vettura della Polizia di Stato (foto di repertorio)

Aveva derubato un coetaneo di una collanina d’oro, in mezzo alla pista da ballo di una nota discoteca.

Nel tardo pomeriggio di ieri, il personale della Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arrestato un giovane genovese, classe 1999, resosi responsabile del reato di tentata rapina. A seguito di una segnalazione, gli Agenti del posto di polizia di Riccione, intervenivano in Via D’Annunzio, presso una nota discoteca di Riccione poiché all’interno del locale veniva segnalato un 21enne, che aveva derubato un coetaneo, in mezzo alla pista da ballo di una collanina d’oro. I Poliziotti giunti immediatamente sul posto, nonostante la folla e il rumore assordante, riuscivano a trovare il responsabile della rapina. La vittima, un 19enne livornese è stata trovata con vistosi segni sul collo, raccontava agli Agenti che pochi minuti prima, mentre ballava vicino alla console veniva aggredita dal 21enne che con la mano sinistra afferrava le due catenine d’oro dal valore complessivo di 1500 euro che aveva al collo, riuscendo con forza a strapparne una.  Il giovane, benché sbilanciato, cercava di opporsi alla rapina ma il 21enne continuava con forza a tirare le collanine, procurando infatti, considerevoli segni su gran parte del collo dello sventurato. Nonostante l’omertà e la reticenza palesata dal 21enne i Poliziotti sono riusciti a ricostruire l’accaduto e ad appurare l’agilità e la scaltrezza che il genovese aveva avuto nel sottrarla alla vittima. Nonostante la giovane età il genovese, non era nuovo a simili episodi che proprio lo scorso febbraio gli erano costati un arresto per furto con strappo. L’arresto era avvenuto perché il 21enne era stato scoperto strappare in un noto locale di Rovereto collanine e orologi dagli avventori della discoteca trentina. Appurato l’accaduto e delineata la personalità del reo, gli Agenti della Polizia di Stato lo hanno tratto in arresto. Il giovane sarà sottoposto a rito direttissimo nella mattinata odierna.