Decreto eseguito dalla Guardia di Finanza per evasione fiscale

RIMINI – Per recuperare le imposte evase, certificate nel corso di un’articolata indagine, la Guardia di Finanza di Rimini ha eseguito  un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca dei noti marchi Cocoricò e Titilla, per un valore complessivo stimato in 150mila euro. In sostanza.  Se i marchi dovessero essere utilizzati per attività di merchandising, il ricavato verrebbe sequestrato. Secondo le Fiamme Gialle, la società di gestione del locale non aveva presentato le dichiarazioni facendo emergere un’evasione dell’Iva di un milione di euro su imponibile sottratto al fisco di circa 4,5 milioni di euro. In base ai riscontri delle Fiamme gialle i marchi sono riconducibili all’amministratore di fatto della società, che ha gestito, dal 2009, la discoteca di Riccione. Quest’ultimo, un 48enne riminese, è stato denunciato in concorso con l’amministratore di diritto per il reato di omessa dichiarazione.