Denunciato il proprietario dell’area

RIMINI – Quattro capannoni completamente abbandonati e in rovina, assieme ai loro tetti in Eternit ormai in frammenti e parzialmente crollati sul suolo. Li hanno scoperti i finanzieri del Gruppo di Rimini, che assieme ai colleghi del Reparto Operativo Aeronavale di Rimini hanno messo sotto sequestro gli immobili coperti con circa 2500 mq di onduline in eternit degradate e deteriorate ubicati a Rimini, nei pressi della frazione “case Nuove”, denunciando il proprietario all’autorità giudiziaria.

 

La scoperta è stata fatta grazie al controllo economico del territorio che vede giornalmente impegnati i finanzieri del Gruppo ed i colleghi del Reparto Operativo Aeronavale di Rimini.

 

Le operazioni di perlustrazione terreste ed aerea, con elicottero della Sezione Aerea riminese, hanno permesso di individuare il sito sospetto: un ex allevamento di animali ora abbandonato. Dalle immagini dall’alto è stato infatti possibile notare i tetti in cemento-amianto parzialmente distaccati e crollati sul terreno. Una situazione che può dar luogo a veri e propri rischi per la salute nel territorio circostante, vista la pericolosità data dalla dispersione nell’area delle fibre di amianto.

 

Le fiamme gialle si sono quindi recate sul posto assieme ai tecnici dell’A.U.S.L. di Rimini, che hanno constatato la pericolosità del sito ed hanno sottoposto a sequestro preventivo i 4 capannoni. Il sequestro è stato poi convalidato dal Gip presso il Tribunale di Rimini.

 

A dover rispondere di questa incuria sarà il proprietario, denunciato alla locale A.G. per il reato di cui all’art. 674 c.p.

 

Sull’area sono stati eseguiti rilievi videofotografici per cristallizzare la situazione di pericolo.