14 febbraio 2020 - Rimini, Cronaca, Società

Al via il 4 marzo un percorso dedicato alle coppie che scelgono il matrimonio civile

Si chiama “Le cose che abbiamo in comune” il nuovo progetto promosso dall’Assessorato alla Protezione Sociale

Si chiama “Le cose che abbiamo in comune” il nuovo progetto promosso dall’Assessorato alla Protezione Sociale dedicato alle coppie che desiderano sposarsi in Comune: in cinque incontri saranno approfonditi gli aspetti legali ed emotivi impliciti nel progetto di vita che nasce dall’unione matrimoniale. Il progetto, realizzato dalla cooperativa Il Millepiedi, dal Centro per le Famiglie e dal Forum Territoriale delle Associazioni Familiari di Rimini, è un percorso per consentire alle coppie che scelgono il rito civile di comprendere meglio le implicazioni del legame matrimoniale e di avere strumenti per prendersi cura della coppia nel tempo, affrontando le difficoltà e gli ostacoli della vita quotidiana. Il Codice Civile ed il Diritto di Famiglia ascrivono al matrimonio precisi compiti, diritti e doveri: sono aspetti intuibili, ma spesso non completamente chiari, per questo la disponibilità di un legale permette la corretta comprensione dei termini dell’accordo e del reciproco impegno. Il percorso, co-condotto da un counselor, intende lavorare sugli strumenti per affrontare e comprendere i vari aspetti della condivisione di un progetto comune.

Il calendario degli incontri:

4 marzo: Si, lo voglio: l’Amore lontano dia luoghi comuni

11 marzo: Parla con me… alla ricerca di una grammatica della relazione

18 marzo: Due cuori,una capanna e… un conto corrente. “Abitare la casa, vivere le scelte e custodire i sogni”

25 marzo: Complici, amici, amanti. Mantenere viva e custodire l’intimità.

1 aprile Mamma e papa’, essere genitori: ruoli, alleanze e nuovi equilibri familiari.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione entro il 26 febbraio.

Per info: Centro per le Famiglie del Comune di Rimini: 0541 793860.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.