26 settembre 2019 - Rimini, Cronaca

Al via la ciclabile di Via E. Coletti: entro aprile 2020, una nuova pista di quasi un km



E’ previsto per lunedì prossimo, 7 ottobre, l’apertura del cantiere per la riorganizzazione della sede stradale

E’ previsto per lunedì prossimo, 7 ottobre, l’apertura del cantiere per la riorganizzazione della sede stradale di via Coletti, lavori di riqualificazione, che includono anche la realizzazione di un nuovo percorso ciclabile protetto e rialzato, per una lunghezza complessiva di 907 metri. La nuova pista ciclabile sarà realizzata sul lato monte di Via Coletti, tra il ponte sul Deviatore Marecchia e il ponte della Resistenza. Un intervento che fa parte di un progetto più esteso che vedrà la realizzazione di un nuovo asse longitudinale di attraversamento della città dedicato alla mobilità ciclabile, tramite il completamento di una pista ciclabile lungo l’intero asse di via Coletti e il suo raccordo con altri interventi in procinto di partire, quali la riqualificazione del lungomare nord e la realizzazione della posta ciclabile dalla stazione ferroviaria all’ospedale infermi.



Il tratto che verrà cantierato a breve su via Coletti prevede un intervento per la ridefinizione della sezione stradale e la realizzazione di una vera e propria pista ciclabile che si aggiungerà alla rete esistente, implementandola per quasi un km di lunghezza, insieme al miglioramento delle condizioni di sicurezza in corrispondenza degli attraversamenti pedonali più critici. Lavori di rifunzionalizzazione che sono inclusi nell'itinerario della ‘Ciclovia Adriatica’ prevista a sua volta nella rete delle ‘Ciclovie Regionali dell’Emilia-Romagna’. 



Un progetto necessario perché stiamo parlando di una strada urbana, la via Coletti, dove, dal 2010 al 2017, si è registrato un aumento dei sinistri, con un picco massimo avvenuto  nel 2012 e dove, solo nel 2017, si sono verificati 37 incidenti stradali, con altrettanti feriti. Numeri che posizionano questa strada tra le prime 10 arterie cittadine con il più alto tasso di incidentalità.  Una zona molto frequentata da ciclisti e pedoni per la presenza di una serie di poli attrattori, come le 3 parrocchie presenti e le 4 scuole, di cui due primarie, una secondaria di primo grado ed una di secondo grado, e i campi sportivi. 



L’intervento, che si inserisce nell'ambito di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (PNSS) è stato aggiudicato lo scorso luglio alla società ‘OPERA srl’, che ha sede legale a Roma e avrà un costo complessivo di 298.356.04 euro, di cui 10 mila sono gli oneri legati alla sicurezza.



“E’ un’opera coerente con le politiche che l’amministrazione sta attuando - sottolinea Roberta Frisoni Assessore alla Mobilità - volta alla ricomposizione e allo sviluppo degli itinerari ciclabili urbani, organizzati per gerarchia e classificati per importanza, come prevede anche il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), dove sono previsti sia nuovi interventi che ricuciture sulla rete ciclabile esistente. Un progetto che, grazie alla separazione delle varie componenti di traffico e alla messa in sicurezza sugli attraversamenti pedonali e ciclabili, consentirà di mettere in sicurezza un tragitto già molto frequentato da chi si sposta in bici, e in particolare modo da tanti studenti e ragazzi che si spostano ogni giorno per attività scolastiche o ricreative .”


Le aree destinate alla sosta, che attualmente sono collocate longitudinale al tratto interessato, saranno recuperate ottimizzando la sosta lungo le vie laterali e attraverso l'uso di aree, adiacenti alla Via Coletti. I lavori sul tratto stradale inizieranno il 7 ottobre prossimo e saranno terminati entro aprile 2020.

Tag: mobilità

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.